Home » Diporto, Italia, News, Turismo » Sailor.Tex, sviluppata una joint-venture con la compagnia di charter ligure Dea dei Mari

Sailor.Tex, sviluppata una joint-venture con la compagnia di charter ligure Dea dei Mari

Milano– È stato stretto recentemente dalla compagnia di charter Sailor.Tex, che ha la propria base nautica nel Porto turistico di Rosignano-Castiglioncello Marina Cala de’ Medici, un accordo strategico con la compagnia Dea dei Mari, con base nautica a Fezzano di Portovenere (La Spezia). La joint-venture punta, da una parte, ad ampliare l’offerta di Sailor.Tex rivolta ai propri clienti implementando la flotta di imbarcazioni a vela dagli 11 ai 14 metri presenti nel Porto di Cala de’ Medici, nonché ad offrire la possibilità di imbarcarsi sulle imbarcazioni Sailor.Tex anche dalla base nel Marina di Fezzano e viceversa.

La joint-venture, infatti, prevede che due imbarcazioni a vela della flotta Dea dei Mari, un Hanse 400 e un Bavaria 46, vengano trasferite nella base nautica di Castiglioncello. Grazie all’accordo, per i clienti che lo desiderino, le imbarcazioni Sailor.Tex potranno essere trasferite alla base sulla costa ligure, così come quelle della flotta Dea dei Mari, al di là di quelle che già si trasferiranno, potranno essere trasferite alla base del Cala de’ Medici.

Il booking per quanto riguarda tutte le imbarcazioni nella base di Castiglioncello sarà condiviso, mentre gli imbarchi a Cala de’ Medici verranno gestiti dal personale Sailor.Tex.

Ma conosciamo meglio queste due realtà che si sono avvicinate e che hanno deciso di avviare questa collaborazione.

Sailor.Tex muove i suoi primi passi con le derive nelle acque dolci del lago di Como, a Domaso, grazie all’iniziativa di un gruppo di amici. È proprio sull’onda del loro entusiasmo che nel 1998 viene varata la prima imbarcazione Sailor.Tex. Da allora Sailor.Tex ha conquistato anche il mare e, dopo aver aperto una base a Castiglioncello, nel cuore dell’Arcipelago Toscano, ha continuato a crescere stringendo collaborazioni con importanti partner di settore e diventando un solido punto di riferimento per il noleggio, la vendita e la gestione di imbarcazioni a vela.

“Nelle proprie basi Sailor.Tex ha perfezionato una rete di servizi su misura che rendono piacevole anche il più breve approdo. Una flotta di barche qualitativamente impeccabili, esperienza, professionalità e l’attenzione verso ogni esigenza del cliente sono il nostro impegno a rendere il sogno di una vacanza in barca a vela un’esperienza indimenticabile”, afferma Matteo Italo Ratti, fondatore e General Manager di Sailor.Tex.

Dea dei Mari, invece, nasce nel 2006 per l’organizzazione di corsi di vela d’altura, corsi per patenti nautiche e vacanze in barca a vela. “Anno dopo anno – afferma Manlio Galloni, istruttore velico esperto e fondatore e amministratore di Dea dei Mari – ci siamo sempre più concentrati sul charter, migliorando costantemente la nostra organizzazione e le nostre capacità di gestire e manutenere le barche, cosa che ci ha reso sempre più affidabili e ci ha fatto raggiungere notevoli risultati. Adesso partecipiamo attivamente anche all’organizzazione di flottiglie e viaggi di nozze, team building ed eventi, adoriamo fare trasferimenti e gestiamo barche, in tutti gli aspetti, per conto di armatori”.

Leggi anche:

  1. “NAVIRIS” è il nome della joint venture tra Naval Group e Fincantieri
  2. FINCANTIERI E NAVAL GROUP FIRMANO L’ACCORDO DI JOINT VENTURE
  3. JOINT VENTURE TRA BELLETTIERI ED INTERGROUP PER IL RILANCIO DEL PORTO DI CIVITAVECCHIA
  4. I tre armatori giapponesi più importanti annunciano una joint venture
  5. FINCANTIERI COSTITUISCE UNA JOINT VENTURE IN CINA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72657

Scritto da Redazione su feb 10 2020. Archiviato come Diporto, Italia, News, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab