Home » Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti, Turismo » Charter Sardegna: servono regole chiare, facili e subito

Charter Sardegna: servono regole chiare, facili e subito

Alla luce delle proposte e pubblicazioni diffuse da alcuni giorni circa le regole e relativi vincoli che sono parte integrante del “ protocollo
sanitario” che verrebbe imposto a tutti coloro che si apprestano, o intendano , scegliere la Sardegna quale meta delle loro vacanze, siamo a contestarne vibratamente il contenuto, la diffusione martellante del metodo e della sostanza del Protocollo così come pensato e, ancora, una asfissiante quanto dannosa divulgazione e promozione tramite i media.

A riprova dello sconcerto e sconforto che ha investito la totalità delle società che operano nel comparto della nautica e del charter isolano (circa 400 aziende di noleggio e locazione di imbarcazioni per un totale di circa 1.600 unità), stiamo assistendo impotenti a un impressionante e irreversibile tracollo e cancellazione delle conferme che a fatica eravamo riusciti a trattenere ad Aprile e Maggio per i mesi di Giugno e Luglio. In soli tre giorni, dalla riapertura frenetica delle prenotazioni e conferme delle rispettive piattaforme/Windows Booking/MMK/NAUSYS/SEDNA ecc., si sono dissolte il 15 % delle locazioni e noleggi, e nei prossimi giorni non potrà che peggiorare in quanto verrà aggredito il mese di Agosto. Le ragioni della fuga di massa sono semplici e condivise da tutti: tour operator , broker e agenzie specializzate del settore, in un momento di grande sofferenza del mercato, stanno dirottando il turismo verso mete in cui le linee guida per l’accoglienza sono semplici e chiare (Slovenia, Croazia, Grecia e Turchia), al contrario di quelle che abbiamo, per il momento,  in Sardegna.

Il mondo del turismo e la sua meccanica in continua evoluzione, impone sempre più marcatamente una tempistica e regole certe; oggi più che mai, nella spasmodica attesa del “bollettino” Regionale, vanno in fumo centinaia di prenotazioni e conferme e specificatamente quelle a “settimana”.

Restiamo allibiti per la convinzione che si possa salvare la stagione con la parziale presenza del mercato nazionale o regionale! Da una analisi
approfondita e ben nota alla regia della Giunta Regionale, le presenze Italiane per vacanze sul residenziale e seconde case subirà il contraccolpo del 45%, quello alberghiero 70 % nonostante la facilitazione del trasporto marittimo, mentre tutto il volume del turismo internazionale costretto a utilizzare il vettore aereo rischia di collassare insieme alle stesse compagnie che collegano la nostra isola.
Questi gli allarmanti dati che sono stati già ampiamente forniti dalle tre società di gestione portuali , aeroportuali e dalle associazioni di
categoria.

Il presidente Solinas è consapevole che il “Fantomatico Passaporto Sanitario” non ha alcuna possibilità di essere realizzato, e resta un mistero sulle ragioni che lo inducono a spingere verso il baratro l’economia della sua isola, cosi come deve ancora spiegare come mai, solo un mese fa, era intenzionato alla totale riapertura senza condizioni quando, allo stesso modo, era ben conscio che non avrebbe potuto farlo rimediando così una figuraccia mediatica e istituzionale. Questo è un grido di allarme che non può restare inascoltato perché ci troveremo inesorabilmente costretti alla chiusura sia temporanea che definitiva delle nostre attività, al licenziamento forzoso di alcune migliaia di dipendenti qualificati, formati e inquadrati a tempo indeterminato, oltre all’assoluta impossibilità a non assumere stagionalmente altrettanti giovani.

Siamo tutti perfettamente consapevoli della grande attenzione che merita la difesa della salute del suo popolo sardo e del mantenimento del primato registrato sul contenimento del virus. Così come dobbiamo orgogliosamente dare atto ai sardi di avere diligentemente gestito questa drammatica situazione.

Il comandante di una barca che meriti rispetto non può permettersi di spaccare in due il suo equipaggio!
Ebbene, il Presidente Solinas ci è riuscito come mai nessuno nella storia di questa meravigliosa e antica terra! Ha messo il Governo Regionale contro tutto il mondo imprenditoriale Sardo e i suoi lavoratori.

L’invito alla reazione e presa di posizione, che ha anche il pieno supporto di Confindustria Nautica, è egualmente rivolto ai consiglieri di maggioranza chiamati a difendere e rappresentare la dignità della loro gente e virare verso una coraggiosa revisione, diffondere tempestivamente e senza indugio certezze dei tempi e della semplificazione di un protocollo definitivo, in quanto non c’è più tempo; lo chiedono le imprese, i professionisti del mercato mondiale del turismo, i clienti, i lavoratori sardi e le loro famiglie.

Le imprese della nautica e del turismo Sardegna

Leggi anche:

  1. Marina Cala de’ Medici lancia il progetto “Alto Tirreno Charter Base” per salvare il turismo nautico in Toscana
  2. Mare italiano da sfruttare: dalla Puglia alla Sardegna
  3. Sailor.Tex, sviluppata una joint-venture con la compagnia di charter ligure Dea dei Mari
  4. Turismo, destinazione Sardegna. Assessore Chessa: “Dialogo con operatori per nuove strategie”
  5. Marina Cala de’ Medici sbarca all’International Charter Expo di Vienna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=75644

Scritto da Redazione su mag 23 2020. Archiviato come Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab