Home » Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti » L’ADSPMAM rinvia al 1° gennaio 2022 l’adeguamento dei diritti portuali. Un concreto sostegno alle compagnie di navigazione.

L’ADSPMAM rinvia al 1° gennaio 2022 l’adeguamento dei diritti portuali. Un concreto sostegno alle compagnie di navigazione.

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale rinvia al 1° gennaio 2022 l’adeguamento dei diritti portuali, previsto per  il 1° gennaio 2021, compiendo un ulteriore e significativo sforzo a sostegno delle compagnie di navigazione, traghetti e passeggeri, fortemente penalizzate  dal calo del traffico determinato dall’emergenza sanitaria.

Attraverso il provvedimento, quindi, si lasciano inalterate per tutto il 2021 le misure applicate nel 2020.

Lo ha deliberato all’unanimità il Comitato di Gestione dell’Ente che ha inteso accogliere la proposta del presidente Ugo Patroni Griffi indirizzata a sostenere, in un periodo di forte crisi, il tessuto economico del cluster marittimo che opera nei cinque porti del sistema.

Dopo i provvedimenti adottati nel mese di marzo che disponevano il rinvio del pagamento dei canoni e delle concessioni demaniali marittime, l’AdSP MAM vara nuove misure di sostegno in favore delle compagnie di navigazione, considerato che le limitazioni al traffico passeggeri via mare imposte per contrastare l’epidemia COVID-19 hanno inciso negativamente sull’intero comparto.

“Da 8 mesi, ormai, stiamo affrontando la pandemia da Coronavirus, commenta il Presidente, un disastro che sta determinando effetti drammatici sul sistema economico globale, afflitto da una crisi  senza precedenti. In questo momento più che mai, pertanto, ritengo sia indispensabile fare sistema e sostenere gli operatori, oggi particolarmente colpiti, che domani avranno l’arduo compito di riaccendere il motore per la ripresa del Paese. Il sostegno pubblico adeguato e rapido può contribuire ad attenuare le conseguenze della crisi e ad allentare le tensioni”.

I diritti portuali sono gli  oneri, previsti dalle norme, a carico degli armatori per la fruizione degli spazi negli ambiti portuali e di tutti i servizi forniti.
A breve, l’ordinanza n. 24 del 2-11-2020 sarà consultabile sul sito istituzionale dell’Ente.

Leggi anche:

  1. L’AUTORITA’ DI SISTEMA PORTUALE DEL MARE ADRIATICO SETTENTRIONALE DISTRIBUISCE I PRIMI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE COMPAGNIE DEI LAVORATORI PORTUALI
  2. CORONAVIRUS, PORTI DI VENEZIA E CHIOGGIA: CANONI SOSPESI ANCHE ALLE AZIENDE NON TERMINALISTE E SOSTEGNO AI SALARI DEI LAVORATORI PORTUALI
  3. AdSP MAM posticipa i termini di pagamento di canoni e diritti portuali
  4. Emergenza COVID-19: l’AdSP MAM posticipa i termini di pagamento di canoni e diritti portuali
  5. Dal 1 gennaio 2020 aria più pulita negli ambiti portuali del sistema dell’Adriatico meridionale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=80435

Scritto da Redazione su nov 3 2020. Archiviato come Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab