Home » Cultura, Diporto, Internazionale, Nautica, News, Trasporti » ICS e ECSA manifestano apprezzamento per la risoluzione ONU che chiede a tutti i paesi del mondo di riconoscere i marittimi come lavoratori chiave

ICS e ECSA manifestano apprezzamento per la risoluzione ONU che chiede a tutti i paesi del mondo di riconoscere i marittimi come lavoratori chiave

La risoluzione, avanzata dall’ambasciatore Dian Triansyah Djani della Repubblica di Indonesia, incoraggia i governi ad attuare immediatamente misure per consentire il cambio dell’equipaggio e per garantire l’accesso alle cure mediche per tutto il personale marittimo.

Questo è un passo significativo nel riconoscere il ruolo cruciale che 2.000.000 marittimi svolgono nel trasporto di cibo, medicine, forniture energetiche e altre materie prime essenziali in tutto il mondo nel pieno di una pandemia globale.

La risoluzione, intitolata “Cooperazione internazionale per affrontare le sfide affrontate dalla gente di mare a seguito della pandemia COVID-19 per sostenere le catene di approvvigionamento globali”, è stata presentata alla 75a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Mario Mattioli, presidente Confitarma, afferma: “La risoluzione dell’ONU è molto importante e costituisce un significativo passo avanti per risolvere la crisi globale dei cambi di equipaggio.

Rispetto ai primi mesi dell’anno la situazione sta leggermente migliorando.Tuttavia, vi sono ancora migliaia di marittimi bloccati sulle nostre navi e altrettanti marittimi che non possono sostituirli a causa delle restrizioni ai viaggi internazionali introdotte dai Governi esteri per contrastare la Pandemia da Covid19, con alcune situazioni, in particolare in Cina, che stanno diventando vere e proprie emergenze umanitarie.

Confitarma, anche attraverso ICS ed ECSA a cui aderisce, sin dall’inizio di questa crisi si è battuta affinché le navi italiane potessero continuare a trasportare le merci necessarie per la vita quotidiana di tutti, tutelando al contempo la salute e il welfare di tutti i lavoratori marittimi, che da sempre rappresentano la risorsa chiave per l’armamento italiano e che stanno facendo un lavoro straordinario mantenendo le catene di approvvigionamento globale. Non si ferma il nostro lavoro con le istituzioni per consentire ai nostri “eroi del mare” di tornare a casa e riabbracciare le loro famiglie nelle prossime festività natalizie”.

Guy Platten, Segretario generale dell’ICS, ha commentato: “Accogliamo con favore la notizia che l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che sollecita la classificazione di tutti i marittimi come lavoratori chiave e lodiamo il governo indonesiano per aver guidato questa risoluzione.

“L’incapacità di far allontanare l’equipaggio dalle proprie navi e di fornire un trasporto sicuro e senza attriti attraverso i confini internazionali mette a rischio il commercio mondiale su cui fanno affidamento tutte le nostre economie.

“La International Chamber of Shipping comprende che 44 stati membri delle Nazioni Unite attualmente classificano i marittimi come ‘lavoratori chiave’. Sebbene questa risoluzione sia un passo positivo, chiaramente resta ancora molto da fare. I governi devono ora sfruttare il loro considerevole potere per convincere gli altri a seguire l’esempio e riconoscere i loro marittimi come lavoratori chiave.

“Mentre ci avviciniamo alle festività natalizie, l’industria marittima sta facendo la sua parte con il lancio della campagna Seafarers Delivering Christmas. Chiediamo ora a tutti i governi di rispondere al desiderio natalizio dei marittimi e di designarli come lavoratori chiave e porre fine alla crisi del cambio dell’equipaggio”.

Martin Dorsman, Segretario generale dell’ECSA, ha dichiarato: ” Due milioni di marittimi, di cui 555.000 che lavorano per la navigazione europea, svolgono un ruolo fondamentale nel garantire che le catene di approvvigionamento globali continuino a funzionare ininterrottamente, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia .

” Ringraziamo la Commissione europea e vari Stati membri dell’UE per il loro duro lavoro nel sollecitare la designazione dei marittimi come lavoratori chiave – al fine di facilitare i loro viaggi diretti o in transito da e verso le navi – e chiediamo a tutti gli altri Stati membri dell’UE fare lo stesso e incoraggiare anche i paesi terzi a seguire l’esempio “.

L’ECSA sostiene anche l’invito dell’IMO affinché i marittimi e altri lavoratori marittimi ricevano la vaccinazione prioritaria, in modo da consentire loro di esercitare la loro professione e mantenere catene di approvvigionamento globali vitali. Insieme allo status di lavoratore chiave, la vaccinazione rapida per i marittimi rappresenterà un grande passo avanti nella risoluzione della crisi attuale.

“Con l’avvicinarsi del periodo natalizio, l’industria marittima europea sta collaborando con le istituzioni dell’UE e gli Stati membri per garantire che il maggior numero possibile di marittimi possa tornare a casa per unirsi alle proprie famiglie per le vacanze”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=80955

Scritto da su Dic 2 2020. Archiviato come Cultura, Diporto, Internazionale, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab