Home » Distretti nautici, Italia, News » Tomaselli: “La Macroregione Adriatico-Ionica importante occasione per l’Italia”

Tomaselli: “La Macroregione Adriatico-Ionica importante occasione per l’Italia”

BRINDISI – Il senatore del PD Salvatore Tomaselli è intervenuto nel corso del workshop, promosso nell’ambito del Salone Nautico, dal tema “La strategia europea della Macroregione Adriatico – Ionica EUSAIR e il relativo Piano di Azione”, svoltosi presso il Gran Hotel Internazionale di Brindisi.

Come è noto – e come è stato spiegato nel corso dell’incontro – la strategia (EUSAIR – EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region), contenuta in una Comunicazione della Commissione e in un Piano d’azione, riguarda principalmente le opportunità dell’economia marittima: “crescita blu”, connettività terra-mare, connettività dell’energia, protezione dell’ambiente e turismo sostenibile, tutti settori destinati a svolgere un ruolo cruciale nel creare posti di lavoro e stimolare la crescita economica nella regione. Ciascun elemento del piano d’azione è stato coordinato da una coppia di paesi (uno Stato membro dell’UE e un paese non UE): la Grecia e il Montenegro sulla “crescita blu”, l’Italia e la Serbia sul tema “Collegare la regione” (reti dei trasporti e dell’energia), la Slovenia e la Bosnia-Erzegovina sulla “qualità ambientale”, la Croazia e l’Albania sul “turismo sostenibile”.

La strategia offre, quindi, ai Paesi candidati – ed ai potenziali candidati all’adesione -una preziosa opportunità di collaborare con gli Stati membri, in particolare contribuendo all’integrazione dei Balcani occidentali nell’Unione europea.
“Si tratta – ha affermato il sen. Tomaselli nel suo intervento – di un nuovo modello di cooperazione interregionale e transnazionale: una rete tra istituzioni locali, regionali e tra Paesi che si prefigge di elaborare e gestire azioni comuni per valorizzare progetti e potenzialità di questa nuova grande area, che coinvolge ben otto paesi, in cui vivono 60 milioni di persone.

La proposta inserisce tra le priorità d’azione l’ambiente, le  infrastrutture della logistica e dei corridoi trasportistici, l’energia, la ricerca, le risorse culturali e turistiche e la competitività dei territori. Si tratta ora di cogliere questa importante opportunità, accelerando il percorso per entrare a pieno titolo nella programmazione dei fondi strutturali 2014/2020: chi è partecipe di strumenti interregionali e transnazionali, infatti, sarà premiato per il valore aggiunto ‘europeo’ di cui è portatore.

Per l’Italia, tra l’altro, è una scelta di rilievo geopolitico straordinario e dal valore strategico, poichè è evidente che nella Macroregione Adriatico-ionica il nostro paese assume un ruolo oggettivo di leadership, rafforzandone il peso e il ruolo politico di cerniera del sud-est dell’Europa e del Mediterraneo”.

Leggi anche:

  1. Macro-Regione Adriatica-Ionica
  2. Michael Thamm: “Settore crocieristico importante per Italia”
  3. Tomaselli: “Riconoscimento a Macroregione Adriatico-Ionica”
  4. Trivellazioni in Adriatico: Tomaselli chiede la revoca delle autorizzazioni
  5. Macroregione Adriatico-Ionica: l’Unione Europea dice sì

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27840

Scritto da Redazione su mar 20 2015. Archiviato come Distretti nautici, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab