peyrani
Home » Cantieri, Italia, Nautica, News » Fincantieri annuncia 2500 licenziamenti e scoppia la rivolta

Fincantieri annuncia 2500 licenziamenti e scoppia la rivolta

Il governo si augura sulla vicenda Fincantieri “di poter definire un piano industriale che salvaguardi i siti produttivi e minimizzi gli esuberi”. Così il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha risposto alla giornata di tafferugli, proteste e manifestazioni sul piano industriale della Fincantieri che prevede 2500 esuberi e la chiusura dei due stabilimenti. Secondo Sacconi non esiste un piano che preveda una tale quantità di uscite. “C’è la volontà – ha detto – di mettere in campo un piano che salvaguardi le competenze e le capacità produttive”.

Intanto ai Cantieri navali di Palermo domattina si terrà un’assemblea dei lavoratori, assieme a Fiom, Fim e Uilm, per stabilire le azioni da intraprendere dopo la presentazione del piano di tagli da parte di Fincantieri. «È un’idea nefasta e inaccettabile” così l’ha etichettata il segretario della Camera del lavoro Maurizio Calà, al quale hanno fatto eco tutte le rappresentanze sindacali coinvolti. “In questo modo – continua Calà – Fincantieri perderà una delle tre grandi missioni del cantiere: il settore delle costruzioni, che occupa non solo i 500 lavoratori diretti ma anche quelli dell’indotto, come i 2000 che hanno lavorato per lo Scarabeo, l’ultima nave che è stata realizzata al porto. Perdere il settore delle costruzioni  e mantenere solo le riparazioni e le trasformazioni navali porterebbe il Cantiere navale di Palermo, nel tempo, a una chiusura totale o parziale”.

Non si può uccidere così la cantieristica ligure, non si può chiudere così un pezzo della storia della marineria italiana. La voce compatta arriva anche dalla Liguria, che si è mobilitata oggi, pagando anche il prezzo di tafferugli tra forze dell’ordine e lavoratori, per dire no al piano di Fincantieri che chiude lo stabilimento di Sestri Ponente e ridimensiona quello di Riva Trigoso. Per il secondo giorno si sono schierate tutte le istituzioni. La Regione ha sospeso il Consiglio per raggiungere il prefetto con quasi tutta la giunta al seguito del presidente Burlando, il Comune ha riunito i capigruppo in piazza con i lavoratori e minaccia lo sciopero generale, la Provincia ha detto un no senza diritto di replica. Tutti al fianco di sindacati e lavoratori, che hanno sfilato per la città e assediato la prefettura. Dopo ore di tensione, culminate in tafferugli con le forze dell’ordine con una dozzina di feriti leggeri tra le due parti, è arrivata la convocazione di un incontro con il governo il 3 giugno. Al prefetto Francesco Musolino gli operai chiedevano di occupare simbolicamente il cortile. Per domani è stato convocato un vertice in Regione con istituzioni, parlamentari, sindacati e lavoratori.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Pensieri e parole di Confitarma
  2. Porto di Ancona: in arrivo commessa da Fincantieri
  3. Arriva il Piano di gestione per la pesca controllata
  4. Il lavoro usurante dei marittimi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1100

Scritto da Salvatore Carruezzo su mag 24 2011. Archiviato come Cantieri, Italia, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab