peyrani
Home » Nautica, News » TECNOLOGIA – DIDATTICA – FORMAZIONE

TECNOLOGIA – DIDATTICA – FORMAZIONE

Il comparto marittimo e della navigazione sente più degli altri i continui sviluppi della ricerca nel campo della formazione degli  Ufficiali della Marina Mercantile. Nuove tecnologie si sono affacciate negli ultimi anni e si sono resi disponibili – adattate – a funzioni di supporto all’istruzione nautica ed alla didattica della navigazione  e della sicurezza marittima, senza trascurare il comparto della simulazione navale.

Oggi occorre declinare tre poli di attrazione se miriamo ad una formazione di eccellenza: tecnologia – conoscenza – tempo. Tecnologia ed innovazione sono il valore aggiunto per la formazione. Oggi infatti, si parla di varie piattaforme e-learning. Però tutto il “nuovo” non sempre è efficace anzi, il rischio di una frammentazione culturale è molto forte e a volte la “conoscenza” (ridondante) può diventare superficialità professionale.

Una osservazione va fatta: il ciclo istruttivo dei nautici (2+2+1) è completo; semmai è la formazione professionale continua (post diploma) che necessita di tecnologia ed innovazione; cioè una accademia mercantile della marina mercantile non rappresenta tutta la “conoscenza”. La formazione, l’educazione, l’apprendimento aperto e a distanza sono temi di primaria importanza dell’istruzione da quando la conoscenza  è entrata nella rete di internet; la stessa internet ha messo in discussione la geografia e la territorialità della conoscenza e siamo lontani dall’esperienza inglese  della Open University del 1961.

Appare evidente come sia necessaria una continua attività di aggiornamento multidisciplinare ed anche multi-istituzionale per formare le generazioni future, perché il problema non è solo didattico-istituzionale, ma soprattutto culturale e di interesse della nostra società, perché si tratta sempre di nostri giovani. Ed è per questo che divengono importanti i centri di addestramento professionali – centri di simulazione navale – dove le conoscenze teoriche vengono messe a confronto con le situazioni – simulate – di sicurezza marittima. La didattica, in questi casi, è nettamente diversa da quella esercitata negli istituti nautici decenni addietro; non è la funzione “stato della nave” che viene espressa matematicamente su di una lavagna, ma una realtà “quasi-reale” simulata ad esprimere capacità di essere e mostrare competenze nautiche.

A questo punto, diventa interessante confezionare un tema di esame di stato per valutare una preparazione “matura” in navigazione di allievi nautici: risolvere un itinerario nautico determinando una rotta e controllarne la posizione della nave in un certo istante, oppure una determinazione del sistema nave su di un itinerario in sicurezza per la nave, il carico e l’ambiente? Stiamo parlando del processo del trasporto marittimo che utilizza sistemi energetici (le navi) per realizzare lo spostamento di merci e/o persone da un punto di origine ad un punto di destino, logisticamente accettabile.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il Leone di Caprera esposto al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano
  2. Simulatori di navigazione: ecco la nuova generazione
  3. La formazione professionale nautica dovrà essere continua
  4. Trieste Yacht Show: la prima edizione al via il 24 marzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1406

Scritto da Abele Carruezzo su giu 2 2011. Archiviato come Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab