peyrani
Home » Cantieri, Nautica, News » Fincantieri: il ministro Romani commenta il ritiro del Piano

Fincantieri: il ministro Romani commenta il ritiro del Piano

Il ritiro del piano industriale di Fincantieri era, secondo il ministro per lo Sviluppo economico, un passaggio obbligato. “L’azienda si è dimostrata disponibile” ha detto il ministro a margine dell’incontro con il vicepresidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping.

“D’altra parte – ha continuato Romani – non possiamo sottostimare la crisi della cantieristica. L’85% in meno di ordini su Fincantieri sono un dato di fatto. Dobbiamo ristrutturare, dobbiamo riconvertire, ma questo lo possiamo fare solo in accordo con le istituzioni locali e con le organizzazioni sindacali”.

Questa la soluzione, secondo il ministro per evitare i 2500 licenziamenti previsti dal piano che oggi, mentre gli operai manifestavano nelle piazze, è stato sospeso: ad annunciarlo, proprio durante i cortei di protesta, è stato l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono.

Tra reazioni positive e scettiche, e varie richieste di precisazione sulle reali intenzioni dell’azienda, qualche risposta più precisa si attende dall’incontro previsto martedì tra le parti coinvolte e il vice presidente Tajani a Strasburgo.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: le reazioni al ritiro del Piano
  2. Fincantieri: Bono annuncia il ritiro del Piano industriale
  3. Fincantieri: arrivano le commesse in attesa dell’incontro con Tajani
  4. Fincantieri: Romani chiede piano condiviso
  5. Fincantieri annuncia 2500 licenziamenti e scoppia la rivolta

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1448

Scritto da Salvatore Carruezzo su giu 3 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab