Home » Cantieri, Nautica, News » Fincantieri: il ministro Romani commenta il ritiro del Piano

Fincantieri: il ministro Romani commenta il ritiro del Piano

Il ritiro del piano industriale di Fincantieri era, secondo il ministro per lo Sviluppo economico, un passaggio obbligato. “L’azienda si è dimostrata disponibile” ha detto il ministro a margine dell’incontro con il vicepresidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping.

“D’altra parte – ha continuato Romani – non possiamo sottostimare la crisi della cantieristica. L’85% in meno di ordini su Fincantieri sono un dato di fatto. Dobbiamo ristrutturare, dobbiamo riconvertire, ma questo lo possiamo fare solo in accordo con le istituzioni locali e con le organizzazioni sindacali”.

Questa la soluzione, secondo il ministro per evitare i 2500 licenziamenti previsti dal piano che oggi, mentre gli operai manifestavano nelle piazze, è stato sospeso: ad annunciarlo, proprio durante i cortei di protesta, è stato l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono.

Tra reazioni positive e scettiche, e varie richieste di precisazione sulle reali intenzioni dell’azienda, qualche risposta più precisa si attende dall’incontro previsto martedì tra le parti coinvolte e il vice presidente Tajani a Strasburgo.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: le reazioni al ritiro del Piano
  2. Fincantieri: Bono annuncia il ritiro del Piano industriale
  3. Fincantieri: arrivano le commesse in attesa dell’incontro con Tajani
  4. Fincantieri: Romani chiede piano condiviso
  5. Fincantieri annuncia 2500 licenziamenti e scoppia la rivolta

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1448

Scritto da Salvatore Carruezzo su giu 3 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab