peyrani
Home » Cantieri, Nautica, News » I Barretta portano Brindisi sui mari del mondo

I Barretta portano Brindisi sui mari del mondo

Il più famoso cantiere della Malesia ha costruito un gioiello di rimorchiatore per conto della Compagnia armatoriale pugliese An.Do.Fe Shipping Management Srl; società che gestisce le attività della Sedna Towage & Offshore Lda di Madeira, dedita  allo ship-supply di piattaforme petrolifere.

Amministratore unico della An.Do.Fe. shipping è Rino  Barretta (iniziali delle figlie An.namaria, Do.natella e Fe.derica), giovane imprenditore marittimo impegnato su tutti i fronti. Il cantiere, durante il workshop del mese scorso a Napoli, è il YCK Sibu Sarawak della città malese di Sibu, facente parte del Bornio.

Lo Yong Choo Kui, Shipyard Sdn BHD, ha consegnato a marzo scorso il nuovo rimorchiatore “Aht Victory”, già operativo per conto della Chevron tra i mari dell’Indonesia e Australia.  Il cantiere YCK ha già costruito per i Barretta il Rm-Aht “Scapino”, in servizio dal 2005 in India ed il Rm-Aht “Indipendence”, in servizio dal 2008 ad Hong Kong.

Come tutti gli armatori di molte nazionalità, anche i Barretta hanno scelto cantieri non italiani per risparmiare sui costi, con un differenziale quasi del 35%; e per un rapporto favorevole prezzo-qualità e prestazioni standard, il Victory è costato 6 milioni di euro. I settore dello ship-supply delle piattaforme è in continuo sviluppo.

Il rimorchiatore è stato progettato dalla Green Bay Marine per servizi di Anchor Handling and deepsea towage Tug, in gergo detto Aht, ma con flessibilità di Anchor Handling and Offshore Support Tug (AHST); le sue prestazioni più importanti sono nel rimorchio vero e proprio, antinquinamento ed antincendio, salvataggio e supply dalle piattaforme petrolifere.

La tecnologia del bridge è per la maggior parte della Furuno e monta motori dell’ultima generazione della Cartepillar; tecnologia con portata di 450 tonnellate lorde, disposta su carena lunga 38 metri, larga 11 metri e con un pescaggio di 4,50 metri.

Abele Carruezzo

Foto: Senzacolonne.it

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: Napolitano incontra operai di Castellammare
  2. Mari puliti e spiagge sicure: i consigli di Maritime and Coastguard Agency
  3. I pirati e il resto del mondo
  4. La più grande riserva marina del mondo
  5. Porto di Ancona: Ferretti vara Lady Trudy

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2239

Scritto da Abele Carruezzo su lug 2 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab