peyrani
Home » Italia, Nautica, News » I giovani scelgono sempre il mare

I giovani scelgono sempre il mare

La situazione dei mercati, sul versante dello shipping, rimane complessivamente incerta e le Compagnie di navigazione si stanno muovendo con molta cautela.

Rimane, tuttavia, il pieno contributo allo sviluppo della nostra Italia che il settore economico marittimo dedica e comunque rimane una risorsa importante per affrontare i periodi di crisi.

I giovani e tutto il personale di bordo delle navi da carico e di quelle passeggeri conoscono le reali prospettive di lavoro che questo settore mette a disposizione; anche dal punto di vista della sicurezza e qualità della vita di lavoro, il settore delle navi è nettamente superiore a qualsiasi altra industria terrestre; senza considerare la qualificazione professionale in un simile settore.

Siamo giunti, così, in questa fase ad avere una forte richiesta di ufficiali di coperta e di macchina che supera abbondantemente l’offerta, al punto che le compagnie di navigazione accompagnano i giovani e sono impegnati a tutorare la carriera di bordo di giovani che scelgono l’imbarco su navi mercantili, conservando la loro specializzazione in impieghi a terra negli uffici armatoriali.

Il problema, oggi, è che gli Istituti Nautici tornino ad essere focus per una preparazione di base e non una “scuola media” allungata, paternalista, anzi maternalista; mentre i centri di formazione professionale propongano una specializzazione attenta ai processi innovativi della navigazione e della produzione dell’energia; senza essere solo  “centri” accreditati a produrre certificati e basta, per poi scoprire, un domani, una  preparazione professionale sulla carta.

Del resto, lo shipping ha bisogno di grandi professionalità, che vengono compensate in maniera adeguata, nettamente superiore a settori dei servizi e dell’industria; il fatto importante è che ancora oggi le Compagnie di navigazione hanno continuato e continuano ad investire in  qualità della formazione.

Una città marittima, dovrebbe essere fiera di accreditarsi a “centro” di eccellenza per una preparazione professionale marinara. Per attrarre le migliori competenze, soprattutto  nel mondo giovanile, lo shipping italiano si è dotato sia occasioni proprie di “work in progress on the job”, e sia con protocolli d’intesa a “progetti on the job” con quei pochi centri di addestramento professionale  marittimo che contano e che vantano anni d’esperienza nel settore.

Una sfida combattuta dalle imprese italiane, a livello globale, e con la certezza che l’investimento sulla formazione continua consentirà in futuro un salto di qualità a figure professionali che comprenderanno anche professionalità tecniche e manageriali.

Abele Carruezzo
Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. TECNOLOGIA – DIDATTICA – FORMAZIONE
  2. Pensieri e parole di Confitarma
  3. Aperte le iscrizioni della Thesi per diventare Allievo ufficiale
  4. Soprintendenza del Mare: strumento per la tutela della cultura e dell’ambiente del mare
  5. Scegliere i mestieri del mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2447

Scritto da Abele Carruezzo su lug 11 2011. Archiviato come Italia, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab