peyrani
Home » Cantieri, Nautica, News » Fincantieri: Uilm non firmerà per Sestri

Fincantieri: Uilm non firmerà per Sestri

La Uilm sarà presente all’incontro in programma al Ministero dello Sviluppo Economico ma non sottoscriverà l’accordo di programma per l’area industriale del Porto di Genova di Sestri Ponente.

Ad annunciarlo è il segretario nazionale della Uilm e responsabile del settore della cantieristica, Mario Ghini, in una lettera inviata al ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani.

«In merito alla Vostra convocazione – scrive Ghini- relativa alla sottoscrizione del protocollo per la presa d’atto dell’Accordo di Programma per la razionalizzazione e l’ampliamento dell’area industriale del Porto di Genova – Sestri Ponente, siamo a confermarle che la Uilm parteciperà all’incontro, ma le comunichiamo fin d’ora l’impossibilità da parte nostra a sottoscrivere un’intesa dalla quale la

Uilm è stata totalmente estraniata sia dalla discussione, che dalle modalità che l’ha prodotta e, quindi, completamente all’oscuro dei contenuti del protocollo stesso». Il sindacalista ricorda a Romani i fatti che hanno anticipato questa scelta.

«Nella giornata del 3 giugno – sottolinea Ghini – si erano create le condizioni per cui Fincantieri ha poi ritirato il piano industriale presentato una settimana prima alle organizzazioni sindacali nazionali».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: accordo per Sestri
  2. Fincantieri Liguria: servono 20 milioni di euro per Sestri
  3. Fincantieri: proteste a Sestri ma Bono rassicura
  4. Fincantieri: ancora proteste in attesa delle risposte di Tajani
  5. Fincantieri: Romani chiede piano condiviso

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2891

Scritto da Salvatore Carruezzo su lug 28 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab