peyrani
Home » Nautica, News, Saloni nautici » Salone di Genova: nasce il NaQI, Nautical Quality Index, primo indicatore della qualità nautica

Salone di Genova: nasce il NaQI, Nautical Quality Index, primo indicatore della qualità nautica

Anche il Salone Nautico Internazionale, in corso alla Fiera di Genova fino a domenica 9 ottobre, di Genova ha voluto dedicare un pensiero a Steve Jobs e alla sua inarrivabile capacità di innovazione. Da stamattina sul megaschermo all’ingresso principale di piazzale Kennedy compaiono alcune delle sue frasi più emblematiche.

Da oggi i visitatori del Salone di fronte al padiglione C hanno la possibilità di vedere lo scafo numero 3 del Victory Team di Dubai, vincitore di diversi campionati del mondo, che gareggia nella categoria Class 1 offshore, una delle discipline più spettacolari della motonautica. Si tratta di un catamarano a motore in grado di raggiungere i 150 nodi, pari a 250 km/h, spinto da due motori a 12 cilindri da 850 cavalli. La Class 1 sarà in scena dal 14 al 16 ottobre a Cernobbio, sul lago di Como, per il Gran Premio d’Italia, penultimo appuntamento del tour iridato.

Oggi fra l’altro erano presenti in Salone il presidente della UIM, la federazione mondiale di motonautica, Raffaele Chiulli insieme al segretario generale Andrea Dini. Con loro, in rappresentanza della Federazione Italiana Motonautica anche Christian Speciale, delegato regionale per la Liguria.

Nell’ambito degli incontri business di Smart 2011 è stato presentato il progetto “Baia blu d’oriente”, una collaborazione tra imprese italiane e cinesi per la realizzazione di un villaggio del lusso in Cina con una particolare attenzione all’ambiente. L’insediamento è previsto alla foce del fiume Yangtze (“Fiume giallo”) nella costa sudorientale, dove si trova un arcipelago di 1.390 isole, – fra cui quella di Zhujianjian le cui coste saranno oggetto della maggior parte degli interventi – che costituisce una delle aree a più alto tasso di crescita economica del paese.

Grazie a una rapporto nato qualche anno fa tra i comuni di Zhoushan e di La Spezia e portato avanti da Provincia, Autorità Portuale e Camera di Commercio, si è arrivati alla definizione del progetto Baia Blu, articolato su 3,5 milioni di mq comprendenti una modernissima marina con yachting club, aree residenziali esclusive, resort, aree per il tempo libero e zona produttiva per la costruzione e la manutenzione degli yacht. Due le particolarità del progetto: gli interventi architettonici sono stati studiati con particolare attenzione all’ambiente (ogni edificio è costruito con materiali ecosostenibili e sfrutterà massicciamente le energie rinnovabili), ma soprattutto saranno le imprese italiane a realizzare gran parte dei lavori. La cantierizzazione di questo “villaggio del lusso ecologico” è prevista per maggio dell’anno prossimo, per un investimento di un miliardo di dollari.

In apertura del convegno UCINA “Le infrastrutture dello sviluppo” è stato presentato il NaQI, Nautical Quality Index, il primo indicatore che classifica la qualità nautica delle 62 province costiere italiane sulla base di quattro parametri: l’offerta territoriale di porti e posti barca, la qualità dei servizi portuali, la presenza di altri  servizi turistici e l’accessibilità e l’afflusso.

L’indice è stato realizzato dall’Osservatorio Nautico Nazionale ed illustrato dal Professor Gian Marco Ugolini, docente di Geografia Economica presso l’Università di Genova.

La classifica ha individuato 3 indicatori per il parametro relativo all’offerta territoriale di porti e posti barca (densità porti, numero posti barca per residenti, percentuale di marine, le strutture a maggiore vocazione diportistica); 3 indicatori per il parametro qualità dei servizi portuali (possibilità di ospitare navi da diporto, presenza di servizi dedicati,disponibilità di refitting); 3 indicatori per il parametro altri turismi del mare (numero dei diving center, associati FIV e presenza di aree marine protette); 2 indicatori per l’accessibilità e l’afflusso (accessibilità stradale e l’indice di pressione, ovvero l’incidenza della domanda rispetto all’offerta di posti barca.

In testa alla classifica si è posizionata Lucca, giudicata, in questa prima edizione, la provincia più a misura di diportista, seguita da Genova e Matera, quest’ultima balzata ai primi posti grazie alla presenza di due importanti strutture di portualità turistica, Marina di Policoro e il Porto degli Argonauti, collocate in un tratto di costa ridotto

Successivamente la tavola rotonda ha offerto un confronto sullo sviluppo infrastrutturale della portualità turistica quale snodo cruciale per la ripresa dell’economa costiera. Tra le tematiche principali trattate le prospettive e i limiti del nuovo assetto del demanio federale, i canoni demaniali, il rinnovo delle concessioni e la destinazione al diporto delle aree inutilizzate dei bacini commerciali esistenti.

A seguire la Regione Liguria ha tracciato un bilancio dell’operazione Goletta Liguria, viaggio in barca di 70 giorni nel corso del quale sono stati toccati 40 porti. Gli scopi del progetto erano comunicare a turisti e cittadini nove progetti legati al mare e alla nautica, rafforzare l’identità dei luoghi visitati, raccogliere testimonianze ed esperienze di diportisti, visitatori e residenti sulla nostra regione in modo da ottenere spunti e idee per il miglioramento dei servizi e dell’offerta turistica legata al mare. I partner privati coinvolti nel progetto erano Costa Edutainment, Autostrada dei fiori, Salt e Qui Group.

Nel corso degli oltre due mesi di navigazione a bordo della goletta “Pandora”, fedele riproduzione di un vascello postale russo di fine Settecento varata a San Pietroburgo nel 1994 e successivamente restaurata a Genova, sono saliti 250 ospiti, fra cui sindaci e amministratori, imprenditori, ricercatori, biologi, e operatori del settore turistico. Dall’esperienza di Goletta Liguria si trarranno indicazioni per la definizione della prossima programmazione regionale dei progetti europei.

Presentato oggi al Salone anche l’Italian Cruise Day, primo forum focalizzato sul settore crocieristico che si terrà il prossimo 28 ottobre presso il Terminal Passeggeri di Venezia. Alla conferenza sono intervenuti Edoardo Monzani, amministratore delegato di Stazioni Marittime Spa, Beppe De Simone, amministratore delegato di Fiera di Genova, Roberto Perocchio, amministratore delegato di Venezia Terminal Passeggeri e Francesco Di Cesare, presidente Risposte Turismo.

L’intento del forum è quello di raggruppare tutti gli operatori del settore a livello italiano, creando un’occasione unica di confronto e dialogo tra le varie parti. L’evento nasce dall’esigenza di dare spazio alle richieste di una fetta di mercato in cui l’Italia è leader: basti pensare che, solo nel 2010, sono stati 10 milioni i passeggeri transitati nei porti italiani (+8% rispetto al 2009) e oltre 1 milione hanno fatto scalo a Venezia, Napoli e Civitavecchia.

La giornata del 28 ottobre sarà suddivisa in quattro momenti, che rappresenteranno altrettanti spunti di riflessione per i professionisti: il futuro della crocieristica, il potenziamento dei canali di vendita/distribuzione, l’individuazione dei prodotti funzionali al comparto e, in conclusione, un panel con la presentazione di dati statistici rilevanti per il settore. Inoltre, il 29 ottobre, si terrà il primo Career Day esclusivamente dedicato all’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel mercato delle crociere.

“Sono lieto che la prima edizione di Italian Cruise Day si tenga a Venezia, una delle città protagoniste a livello mondiale del settore crocieristico” sottolinea Roberto Perocchio, amministratore delegato di Venezia Terminal Passeggeri. “Un comparto che continua a favorire la crescita economica nazionale generando opportunità e posti di lavoro nei cantieri navali e nei porti, oltre che rappresentare una importante sorgente di turismo”.

Fra le personalità in visita oggi al Salone il ministro dell’Interno Roberto Maroni, la senatrice Ombretta Fumagalli Carulli, entrambi in forma privata, Christian De Sica e Paolo Conticini, l’inviato di “Striscia la notizia” Valerio Staffelli, Claudio Baglioni e i pallanuotisti della Pro Recco Maurizio Felugo (neo campione del mondo con la nazionale) e Giacomo Pastorino.

Gli appuntamenti di domani, sabato 8 ottobre

Alle 11 al Teatro del Mare presentazione del libro “My sailing Mba” a cura del Club velico SDA Bocconi. A seguire, alle 12, presentazione Regata 151 miglia 2012, premiazione 2011 Trofeo Sergio Masserotti Armatore dell’Anno UVAI e Premiazione Campionato Italiano Offshore 2011 (a cura dell’UVAI, Unione Vela Altura Italiana).

Nella sala mezzanino del padiglione B alle 10.30 la prima Consulta dei Presidenti delle Sezioni Nautiche Confindustria.

Alle 10 nella sala Verde di Fieracongressi mission di Assonautica Italiana.

Tre appuntamenti al teatro del Mare: alle 14 presentazione dei risultati dell’Operazione Delphis 2011 a cura dell’associazione no profit Battibaleno, alle 15.30 “I Velieri delle esplorazioni antartiche. 150 anni di lotta coi ghiacci”, videoconferenza nel 1° centenario del raggiungimento del Polo Sud (Amundsen 14 dicembre 1911) a cura di Ada Grilli; alle 17 la presentazione della regata di Andrea Mura su “Vento di Sardegna” e la Routhe du Rum.

Fra i personaggi attesi domani anche i comici Enrique Balbontin e Andrea Ceccon, che dalle 14  animeranno l’area per i piccoli velisti di Navigar m’è dolce.

Leggi anche:

  1. Salone di Genova: presentato il 29° “Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno”
  2. Salone di Genova: la giornata di oggi e il programma di domani
  3. Distretto della nautica pugliese a Genova: diminuisce il fatturato ma cresce la qualità
  4. Salone di Genova: l’industria nautica reagisce e investe nella crescita
  5. Salone nautico di Puglia: nasce il polo meridionale per il diporto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4592

Scritto da Redazione su ott 7 2011. Archiviato come Nautica, News, Saloni nautici. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 11 N°3

BRINDISI - In quest’ultimo numero del 2016, Il Nautilus dedica il suo speciale ai porti del Nord Sardegna che registrano traffici in crescita e allo stesso tempo si trasformano migliorando le infrastrutture. Livorno, Genova e Trieste sono al centro degli altri focus in cui si evidenziano i risultati e le nuove strategie degli scali. I risultati del settore crocieristico a livello nazionale ed internazionale emergono dagli studi di Clia e Risorse Turismo; poi come il Decreto Cociancich rivoluziona il Registro Navale Italiano; la politica dei sinistri marittimi; ed ancora i porti di Napoli e Taranto sono gli argomenti trattati in questo numero.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab