peyrani
Home » Cantieri, Nautica, News » Fincantieri: Cna chiede impegno concreto

Fincantieri: Cna chiede impegno concreto

«Errare è umano, perseverare è diabolico, eppure nelle Marche continuiamo a commettere gli stessi gravi errori». E’ Otello Gregorini, direttore della Cna provinciale di Ancona, a sollevare l’analogia tra un caso già noto nella regione.

«E’ assurdo che l’esperienza dell’Antonio Merloni non abbia insegnato nulla – scrive Gregorini – e che si continui a sbagliare anche sul caso Fincantieri. Non si può continuare a penalizzare l’indotto, come si e fatto per l’Antonio Merloni e ora si sta facendo con la crisi Fincantieri.

Comprendiamo lo stato d’animo dei dipendenti del cantiere che rischiano il posto, ma riteniamo altrettanto drammatica la situazione dell’indotto, che invece passa inosservata, nonostante la consistenza numerica di imprese che lavorano per conto di Fincantieri.

Una parte del mondo imprenditoriale che noi rappresentiamo chiede una soluzione pratica, ovvero che si facciano arrivare almeno una o due navi da realizzare ad Ancona. Qui, invece, si rischia addirittura di veder trasferire questa possibilità magari a Porto Marghera».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: Pinotti chiede impegno del governo
  2. Fincantieri: con impegno del governo, arriveranno commesse da MSC
  3. Fincantieri: ammortizzatori sociali per 180 dipendenti
  4. Fincantieri: Cgil chiede incentivi al governo
  5. Fincantieri: Bersani chiede un nuovo Piano industriale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5810

Scritto da Salvatore Carruezzo su dic 5 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 11 N°3

BRINDISI - In quest’ultimo numero del 2016, Il Nautilus dedica il suo speciale ai porti del Nord Sardegna che registrano traffici in crescita e allo stesso tempo si trasformano migliorando le infrastrutture. Livorno, Genova e Trieste sono al centro degli altri focus in cui si evidenziano i risultati e le nuove strategie degli scali. I risultati del settore crocieristico a livello nazionale ed internazionale emergono dagli studi di Clia e Risorse Turismo; poi come il Decreto Cociancich rivoluziona il Registro Navale Italiano; la politica dei sinistri marittimi; ed ancora i porti di Napoli e Taranto sono gli argomenti trattati in questo numero.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab