Home » Cantieri, Nautica, News » FINCANTIERI: FIRMATO ACCORDO PER LO STABILIMENTO DI SESTRI PONENTE

FINCANTIERI: FIRMATO ACCORDO PER LO STABILIMENTO DI SESTRI PONENTE

Oggi, presso la sede di Confindustria Genova, Fincantieri ha firmato con le Segreterie Provinciali di Fim, Fiom, Uilm, e le RSU di cantiere, un accordo per la riorganizzazione del sito di Sestri Ponente che si pone in linea di continuità con quello più ampio per la riorganizzazione aziendale, sottoscritto il 21.12.2011 con governo e sindacati, e con quello a livello territoriale del 15 febbraio 2012.

Nonostante permangano pesanti limiti infrastrutturali che penalizzano fortemente il cantiere e  la gravissima crisi del comparto navalmeccanico, con questo accordo si definiscono nuove modalità nell’impiego delle risorse, si assicura il mantenimento dello stabilimento e la riduzione del numero di eccedenze definito nell’accordo del 15 febbraio 2012.

Questo sarà reso possibile essenzialmente grazie a una nuova organizzazione ispirata ad un approccio più flessibile della prestazione lavorativa, indispensabile per realizzare quel recupero di efficienza e produttività che il mutato scenario internazionale richiede.

In virtù di ciò l’azienda, facendo affidamento sull’impegno di tutti per il raggiungimento di determinati livelli di competitività imprescindibili per acquisire e gestire nuovi ordini in condizioni di sostenibilità, non cesserà di assicurare continuità produttiva allo stabilimento di Sestri Ponente.

Commentando l’accordo l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, ha dichiarato: “Siamo estremamente soddisfatti per l’accordo firmato oggi, che segue quello recentemente raggiunto per il sito di Castellammare di Stabia. Entrambi dimostrano che operando con un’unità di intenti si possono superare anche i limiti infrastrutturali, da tutti riconosciuti. Crediamo che questo accordo costituisca un fattore significativo per il recupero di competitività del comparto cantieristico e potrà rappresentare un modello per tutti gli altri stabilimenti del gruppo e per l’industria italiana in generale.

Leggi anche:

  1. LO STABILIMENTO FINCANTIERI DI MUGGIANO RICEVE DAL RINA LA CERTIFICAZIONE ISO 14001
  2. Fincantieri: chiesta commissione d’inchiesta su Sestri Ponente
  3. Fincantieri: accordo per Sestri
  4. Fincantieri Liguria: servono 20 milioni di euro per Sestri
  5. Fincantieri: proteste a Sestri ma Bono rassicura

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=14677

Scritto da Redazione su apr 5 2013. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab