Home » Cantieri, Nautica, News » FINCANTIERI COSTRUIRÀ UN TURBOGENERATORE DI ULTIMA GENERAZIONE

FINCANTIERI COSTRUIRÀ UN TURBOGENERATORE DI ULTIMA GENERAZIONE

Fincantieri ha firmato un contratto con Tekniska Verken, società svedese che opera principalmente nel settore energetico, per la fornitura chiavi in mano di un turbogeneratore a vapore del valore di oltre 5 milioni di euro. La turbina a vapore sarà interamente costruita negli stabilimenti di Riva Trigoso.

Il turbogeneratore verrà installato nel nuovo inceneritore del sito di Gärstadverket, a fianco dell’impianto esistente, che adotta soluzioni tecniche altamente rispettose dell’ambiente, e richiede i più alti standard di efficienza possibili. L’impianto, dalle dimensioni ragguardevoli, sarà in grado di erogare oltre 20 MW elettrici.
Fincantieri fornirà anche altre componenti, tra cui i condensatori che contribuiranno ad alimentare la rete regionale del teleriscaldamento.

L’ordine è stato acquisito dalla direzione Sistemi e Componenti Navali, una business unit nata nel 2006 per valorizzare e potenziare le capacità tecniche e progettuali di Fincantieri nel campo delle produzioni meccaniche e dei sistemi destinati alle piattaforme navali.
In particolare, questa direzione realizza linee d’assi, eliche, sistemi propulsivi e di manovra, sistemi di stabilizzazione, di motori e generatori elettrici, al quale si affianca la produzione di turbine a vapore, oggi orientata prevalentemente alla generazione di energia elettrica su impianti terrestri.
In Svezia quest’ultimo segmento di mercato ha garantito a Fincantieri molti ordini, tra i quali uno per l’installazione di un turbogeneratore oltre la linea del circolo polare artico, nella località di G?llivare. L’azienda, che recentemente ha aperto un ufficio di rappresentanza a Stoccolma, può oggi contare collaborazioni con le maggiori società municipalizzate nel campo energetico del paese.

Domenico Sorvillo, a capo della direzione Sistemi e Componenti Navali di Fincantieri, ha così commentato: “Il risultato di oggi ha per noi notevole significato. Sul piano industriale questo è un ordine che premia il forte lavoro di sviluppo, che ci permette di proporre un prodotto di eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Sul piano strategico poi, grazie a questo decimo turboalternatore che installeremo nella regione, rafforziamo la nostra presenza nel mercato scandivo delle biomasse, che si pone oggi con ottime prospettive vista anche l’alta sensibilità per i temi ambientali”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=17674

Scritto da su Set 25 2013. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab