Home » Nautica, News, Saloni nautici » Al BOOT di Düsseldorf 2014 sventola il tricolore della portualità turistica con Assomarinas

Al BOOT di Düsseldorf 2014 sventola il tricolore della portualità turistica con Assomarinas

Per la portualità turistica italiana il BOOT di Düsseldorf, la grande kermesse nautica del centro Europa, 18-26 gennaio 2014 (1.600 espositori su 220.000 mq., 50 Paesi, oltre 226 visitatori nello scorso anno n.d.r.),  rappresenta  una presenza obbligata non solo per l’internazionalizzazione delle strutture ma anche per fidelizzare il mercato turistico – diportistico d’oltralpe, in transito o  stanziale nei porti della  nostra Penisola.

E’ questo l’obiettivo di Assomarinas, l’Associazione Italiana dei Porti Turistici  aderente a UCINA Confindustria Nautica e a Federturismo, che, col proprio stand collettivo in rappresentanza di una  novantina di porti associati, anche per arginare  la crisi che ha colpito il settore,  “esporterà”  l’immagine e l’operatività delle tante eccellenze che queste strutture rappresentano, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia passando per Sicilia e Sardegna,  costituendo, di fatto, un  unico, circumnavigabile  network attrezzato con punti di assistenza di livello europeo dislocati  a poche miglia l’uno dall’altro.

Dunque, a qualche settimana dal Salone Nautico Internazionale di Duesseldorf, Assomarinas ha confezionato  un “allettante update”   della portualità turistica italiana con particolare attenzione ai cospicui investimenti dei marina per ospitare imbarcazioni di sempre maggiore stazza fino ai  superyacht di oltre 24 metri: “Oltre a presentare lo stato dell’arte e le grandi potenzialità  delle nostre strutture, lanceremo un pressante invito a riormeggiare nei nostri marina  – anticipa il presidente di Assomarinas  Roberto Perocchio – poichè, conti alla mano, la portualità turistica di casa nostra risulta essere più competitiva in termini di costi e di qualità di servizi rispetto a tanti altri  porti mediterranei anche grazie alle nuove strutture di recente inaugurate come Marina d’Arechi a Salerno, Marina del Gargano a Manfredonia, Marina di Pisa, per circa 2000 nuovi ormeggi e quelle, in fase di imminente completamento,  di  Marina di Polignano a Mare (Cala Ponte) o del Porto Turistico di Cecina,  per ulteriori 1000  posti barca, per non parlare di altri, in via di realizzazione,  come il porto Mediceo di Azimut – Benetti, ma  solo per citarne alcune”.

Un rilucente ed attrezzato network oggi ancor più raggiungibile dalla clientela straniera grazie anche  alla presenza di  numerose compagnie low cost che scalano regolarmente  gli  aeroporti presenti in tutte le regioni marittime del Paese, da quello di Genova a quello di Pisa, da quello di Roma al sistema Napoli-Salerno, ai siciliani di Palermo, Catania e Comiso, al sistema degli aeroporti di Puglia di Bari e Brindisi, a quello di Ancona e Rimini fino al terzo gate intercontinentale di Venezia e fino a Ronchi dei Legionari in Friuli Venezia Giulia.

“La stabile situazione politica tedesca e l’attivo commerciale della Germania con l’Italia che rappresenta uno dei principali subfornitori  agevolano anche il turismo nautico germanico che ha oggi la possibilità di scegliere tra un numero sempre maggiore di porti italiani a condizioni certamente più competitive che in passato. Tutto ciò agevolato anche dall’offerta di ormeggio non più penalizzato dalle tanto vituperate “liste d’attesa”.  Grazie anche agli ultimi provvedimenti legislativi che agevolano la ripresa del comparto –conclude il presidente di Assomarinas – la bandiera italiana che sovrasta il nostro stand sarà di sicuro richiamo per i tanti diportisti che frequentano il Salone e sempre più spesso i nostri porti”.

Leggi anche:

  1. ASSOMARINAS: assemblea generale a Chioggia
  2. Portualità turistica al ventennale di FEDERTURISMO: “Severo monito al Governo e appello all’unità imprenditoriale”
  3. Gaeta “oblò” per la Portualità Turistica
  4. Assomarinas allo Snim: “Portualità turistica pugliese per agganciare la ripresa”
  5. Convegno Assomarinas sul focus “La portualità turistica pugliese per agganciare la ripresa”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=19057

Scritto da Redazione su dic 20 2013. Archiviato come Nautica, News, Saloni nautici. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab