Home » Cantieri, Nautica, News » Cielo d’Italia: la eco-ship del gruppo D’Amico

Cielo d’Italia: la eco-ship del gruppo D’Amico

KURASHIKI (GIAPPONE) – Il Gruppo d’Amico inaugura la “Cielo d’Italia”, una eco-ship destinata a essere la più grande e la più innovativa in oltre 60 anni di storia della società di shipping italiana. Nella cornice dei cantieri della Sanoyas Shipbuilding Corp. di Mizushima, nel Giappone centrale, la nave e’ stata battezzata ufficialmente con la cerimonia del taglio del nastro con la rottura augurale della bottiglia di champagne, alla presenza dei vertici delle compagnie coinvolte.

Un passo fondamentale del piano strategico 2014-16 che porterà la d’Amico, grazie a investimenti complessivi per circa 1,2 miliardi di dollari, a favorire con l’ingresso di 38 nuove navi. “Alla fine del periodo – spiega il presidente Paolo d’Amico – avremo una flotta con un’eta’ media di 3 anni, con maggiore attenzione all’ambiente”.

La Cielo d’Italia, cui si affiancherà nel primo trimestre del 2016 una nave gemella, si avvale di standard hi-tech messi a punto attraverso il coordinamento degli uffici tecnici delle due società e di quello della trading company Mitsui.

Il cargo, con le sue 117.000 tonnellate di portata lorda, una lunghezza di 245 metri e una larghezza di 43 metri, promette di migliorare le prestazioni abbattendo addirittura del 20% emissioni e consumi, fissando nuovi standard per il mercato internazionale.

“E’ la nave più grande che abbiamo mai avuto – osserva il ceo Cesare d’Amico – di cui siamo orgogliosi a completamento di un percorso iniziato nel 2008”, malgrado la crisi seguita al default di Lehman Brothers e un ambiente generale del settore che “resta impegnativo”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=26811

Scritto da su Feb 3 2015. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab