Home » Nautica, News, Saloni nautici » UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA: SEGNALI POSITIVI PER LA NOSTRA NAUTICA

UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA: SEGNALI POSITIVI PER LA NOSTRA NAUTICA

GENOVA – I numeri e i segnali sono positivi. La nostra nautica è leader dell’export mondiale, l’occupazione, tra addetti e indotto, supera i 200.000 addetti, la crescita iniziata da due anni non si ferma. È questa la fotografia del comparto nautico che esce dalla tavola rotonda “La nautica a confronto. Le filiere produttive al servizio del Paese” che ha seguito l’apertura ufficiale del salone nautico.

Il Vice Ministro Carlo Calenda ha aperto i lavori riconoscendo al Salone Nautico il suo valore all’interno dei migliori eventi nazionali per la proposta del Made in Italy: “sento un clima nuovo, questo Salone mi piace e questa industria anche. I numeri positivi sono solo una frazione di quello che si può fare”.

“La competitività è la nostra grande arma – ha dichiarato Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria nautica – E dobbiamo dire grazie a vari alleati per i buoni risultati che abbiamo ottenuto: il mercato e i suoi segnali di ripresa e l’altro grande alleato si sono dimostrate le istituzioni: oggi si respira finalmente un’aria nuova nei rapporti istituzionali”

Il settore sta ritrovando l’ottimismo, sostenuto da numeri che sottolineano l’importanza di tutto il comparto, dalle aziende leader ai più piccoli fornitori. “Cosa significa la nautica per l’economia italiana? – chiede Fabio Renzi, segratario generale di Symbola, che poi afferma – la nostra produzione nautica vale 1.458 miliardi di euro e si traduce in 10 miliardi di euro per tutto il comparto, insomma per ogni euro alla produzione ne generiamo 5,9 lungo la filiera”

Una ripresa trainata dalla crescita di tutto il Made in Italy, “dopo anni di profonda crisi la ripresa negli ultimi due anni è vigorosa – conferma Marco Fortis  di Fondazione Edison – l’industria italiana è oggi leader mondiale per quanto riguarda numero di ordini e lunghezza nei superyacht. Nel medagliere internazionale (Indice Fortis-Corradini , anno 2013) che considera i prodotti in cui l’Italia detiene la leadership mondiali, la nautica occupa l’ottavo posto, confermando l’importanza di questo settore strategico per il Made in Italy”.

La ricerca di Fondazione Edison dal titolo “L’industria italiana della nautica da diporto: i segni della ripresa” – ha messo in luce la posizione di leadership della nautica italiana.

L’Italia è al primo posto come export di barche e yacht da diporto con un trend in netta crescita già da due anni.  Primo posto anche per quanto riguarda il saldo commerciale valutato, nel 2014, di oltre 2.000 milioni di dollari. Anche in questo caso la ripresa negli ultimi due anni è stata intensa.

La ricerca di Fondazione Symbola – “Filiera nautica. Il sistema produttivo italiano.Analisi dell’indotto economico e occupazionale attivato dall’industria nautica in Italia” – ha ricostruito la struttura del comparto. Sono quasi 3.100 le unità produttive impegnate nella cantieristica, unità che diventano quasi 18.000 se si considera l’intero sistema produttivo di fornitura, subfornitura, commercio, charter, servizi e riparazioni.Le attività economiche legate alla produzione cantieristica sono numericamente concentrate nel Nord Ovest (con il 33% delle imprese totali) e del Centro (28%).

A seguire il Nord Est, le cui 4.944 unità produttive locali rappresentano il 23% di quelle totali.Parlando del più ampio sistema produttivo nautico, cioè di tutta la filiera, le proporzioni cambiano. In questo caso vi è una ripartizione piuttosto omogenea fra Nord e Meridione. In tutte e tre le macro aree del Paese le unità produttive superano quota 5 mila.

A trainare la redditività della produzione cantieristica vi è la Liguria che con circa 350 milioni di euro di valore aggiunto prodotto (pari allo 0,82% del valore aggiunto complessivamente prodotto nella regione). Per quanto riguarda la situazione occupazionale si registra un moltiplicatore dell’occupazione di 7,4, per 1 addetto nella costruzione si creano 7,4 posti di lavoro nella filiera. Gli oltre 21.000 addetti della cantieristica attivano così 181.000 posti di lavoro nella filiera.

Leggi anche:

  1. UCINA: LA NAUTICA APPRODA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
  2. Ucina: “Il Governo aiuti la nautica italiana”
  3. Ucina: per la nautica fatturato da 2,4 miliardi di euro (-3%)
  4. Ucina chiede Piano Marshall per la nautica
  5. Ucina: Albertoni conferma crisi anche nel settore nautico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=32863

Scritto da Redazione su set 30 2015. Archiviato come Nautica, News, Saloni nautici. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab