Home » Cantieri, Nautica, News » FINCANTIERI: UN PASSO AVANTI NEL PROGRAMMA DELLE FUTURE FREGATE AUSTRALIANE

FINCANTIERI: UN PASSO AVANTI NEL PROGRAMMA DELLE FUTURE FREGATE AUSTRALIANE

TRIESTE – Fincantieri, uno dei maggiori gruppi cantieristici e numero uno al mondo per diversificazione e innovazione, ha firmato un contratto con il governo australiano per partecipare al processo di selezione condotto dal Dipartimento della Difesa, che prevede la costruzione di 9 fregate di futura generazione – da realizzare ad Adelaide, nel sud dell’Australia – per la Royal Australian Navy (RAN) nel quadro del programma SEA 5000.

Fincantieri è uno dei tre costruttori che in aprile sono stati preselezionati dal Capability Acquisition and Sustainment Group (CASG), l’ente del Dipartimento della Difesa, per prendere parte ora al processo di valutazione e selezione, che durerà circa un anno e che porterà all’aggiudicazione della commessa. Accordi simili sono stati firmati anche da Navantia e BAE Systems, gli altri due gruppi rimasti in gara.

Fincantieri parteciperà alla gara forte del modello delle proprie fregate FREMM (versione Antisommergibile – ASW), che sono attualmente in servizio per la Marina Militare Italiana (vedi sotto).

Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, ha commentato: “Siamo fortemente impegnati per questo programma, uno dei più importanti al mondo nel settore delle navi militari di superficie e siamo davvero molto orgogliosi perché questo è il primo contratto firmato da Fincantieri con il Dipartimento della Difesa australiano che ci permette, attraverso il processo di valutazione che ora si apre, di proporre il meglio della progettazione e costruzione navalmeccanica italiana. Confidiamo che quello annunciato oggi sia solo il primo passo di questo importante programma, per il quale Fincantieri è pronta a mettere al servizio del governo australiano e della sua Marina, il know-how, le capacità e trasferimento di tecnologia”.

Attualmente sono 10 le navi della Classe FREMM – quattro con la configurazione ASW Antisommergibile (sonar a profondità variabile) e sei con configurazione GP General Purpose (risposta rapida RHIB rampa a poppa).
Le navi utilizzano propulsione elettrica per le operazioni ASW a bassa velocità e una turbina a gas per quelle ad alta velocità (durante le quali i motori elettrici diventano alternatori). L’hangar principale può ospitare un elicottero EH-101 oppure un elicottero NH-90. L’hangar secondario può ospitare un elicottero NH-90. Gli studi iniziali tra l’altro hanno dimostrato che i radar CEA possono essere facilmente adattati con poche modifiche dell’albero principale.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=40966

Scritto da su Set 1 2016. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab