Home » Cantieri, Italia, Nautica, News » 5 MILIONI PER LA PIU’ GRANDE NAVE DELLA MARINA

5 MILIONI PER LA PIU’ GRANDE NAVE DELLA MARINA

L’AZIENDA DEL GRUPPO SCHIAVONI FIRMA IL CUORE ELETTRICO DELL’AMMIRAGLIA E SI CONFERMA LEADER NEL SETTORE MILITARE CON LA SUA DIVISIONE MARINE

Nella plancia dell’ammiraglia della Marina Militare batte un cuore elettrico marchigiano. Sono firmati Imesa i quadri della Trieste, la portaelicotteri da 214 metri della Marina Militare italiana, realizzata da Fincantieri e varata a fine maggio a Castellammare di Stabia davanti a un orgoglioso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Imesa, azienda del Gruppo Schiavoni che si colloca tra i leader mondiali nella produzione di sistemi elettromeccanici, si è aggiudicata una commessa da circa 5 milioni di euro ha progettato e realizzato innovativi sistemi elettrici di media e bassa tensione che garantiscono alla nave la piena efficienza di performance elevate anche in condizioni estreme. “Con questa commessa la nostra divisione Marine – spiega Sergio Schiavoni, fondatore di Imesa – si conferma leader indiscussa nel settore delle forniture militari garantendo standard qualitativi elevati con aspetti tecnici davvero complessi.

La portaelicotteri Trieste, più grande per dimensioni anche della portaerei Cavour, è una vera e propria città galleggiante capace di ospitare a bordo circa un migliaio di persone. Militari, certo, ma anche civili in caso si rendano necessarie operazioni di salvataggio della popolazione in aree di crisi. La Trieste, come tutte le nuove unità militari italiane, è stata pensata per missioni umanitarie e peacekeeping ma resta pur sempre una nave da guerra. Per questo, oltre a rispondere a tutti i requisiti di sicurezza, di qualità e ambiente, il progetto non ha trascurato gli aspetti strutturali adatti al combattimento. I quadri elettrici antishock, son stati studiati e testati per resistere al peggiore degli scenari. Un gioiello di altissima tecnologia, poco inquinante con motori in linea con la filosofia ambientale abbracciata dalla Marina italiana, che salutata dalle Istituzioni come sintesi perfetta di innovazione tecnologica.

Leggi anche:

  1. MARINA MILITARE: ANCHE NAVE VESPUCCI ALLA 50ª EDIZIONE DELLA BARCOLANA
  2. MARINA MILITARE:LA NAVE SCUOLA PALINURO TORNA A TRIESTE
  3. LA REGIA MARINA E LA GRANDE GUERRA: San Marino RTV presenta i documentari storici
  4. MARINA MILITARE: ALLA 47° EDIZIONE DELLA BARCOLANA PRESENTAZIONE DEL CALENDARIO 2016
  5. NAVE PALINURO, LA NAVE GOLETTA DELLA MARINA MILITARE, IN SOSTA NELLA CITTA’ DI BRINDISI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=63033

Scritto da Redazione su giu 20 2019. Archiviato come Cantieri, Italia, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab