Home » Italia, Nautica, News » Gennaro Amato riconfermato presidente ANRC

Gennaro Amato riconfermato presidente ANRC

L’Associazione Nautica Regionale Campana, alle elezioni per termine del mandato del Consiglio direttivo, modifica lo statuto per dare forza all’azione programmatica associativa

Napoli– Sono bastati poco più di sessanta minuti per completare le elezioni del nuovo consiglio direttivo dell’Associazione Nautica Regionale Campana e per modificare diversi articoli dello statuto associativo. Il notaio Giuseppe Cioffi, assistito dal commercialista Alberto Bruno, ha così sancito l’elezione dei sei componenti del nuovo direttivo e la riconferma alla presidenza di Gennaro Amato, titolare dell’azienda Italiamarine, eletto all’unanimità dai votanti.

Si prosegue dunque nel segno della continuità con solo due nuovi consiglieri, uno per le quote rosa con la scelta di Vincenza Gallo (Nautica Salpa) 41 voti e l’atro con l’inserimento di Giuseppe Maiello (Idea Mare) 21 voti. Riconfermati: Ugo Lanzetta (Nautica Mediterranea Yachting) 41, Antonio Di Cola Schiano (Hi-Performance Italia) 38, Vincenzo Castagnola (Software Marine) 37 e Salvatore Marinelli (Centro Nautico Marinelli) 34.

“L’associazione ha un progetto ben stabilito che portiamo avanti già da tempo, perciò proseguiremo nel segno della continuità ed in particolare puntiamo a dare una identità professionale alle aziende iscritte all’ANRC  ed il riconoscimento di un ruolo di riferimento sul territorio per la filiera nautica che rappresentiamo – ha dichiarato il neo presidente Gennaro Amato – Per questo motivo continueremo la nostra battaglia per portare la nautica regionale a mare a Napoli con un salone che esalti la produttività del nostro territorio”.

Nel conclave associativo sono state definite anche alcune modifiche dello statuto, come la durata del mandato del consiglio direttivo e della carica del presidente, che passa da due a 4 anni, ma soprattutto i contenuti dell’operatività della stessa associazione. Le modifiche consentiranno così operatività e flessibilità economiche per la gestione ed organizzazione di fiere e mostre e di partecipazione ad iniziative di promozione della filiera nautica.

Tra gli obiettivi principali del nuovo direttivo appare infatti la necessità di allargare la piattaforma di promozione della produzione e distribuzione dei cantieri campani, attraverso nuovi progetti come il salone nautico sul lungomare partenopeo, ma allo stesso tempo di programmare azioni delle aziende associate fuori dai confini regionali attraverso l’associazionismo.

“L’ANRC a breve regolarizzerà un percorso di associazionismo al CNA (Confederazione dell’Artigianato e della Piccola e media industria) perché le nostre aziende sono prevalentemente artigianali e promuovono il made in Italy del settore – afferma Gennaro Amato – questo ci consentirà di avere una visibilità associativa più forte grazie ad una struttura che ha lo scopo di rappresentare, promuovere e proteggere gli interessi della piccola e media impresa di fronte agli organi che effettuano le scelte politiche”.

Tra le immediate operatività dell’ANRC la preparazione dell’esposizione nautica “Navigare” in programma dal 19 al 27 ottobre prossimo al Circolo Nautico Posillipo di Napoli.

Leggi anche:

  1. Gennaro Amato: “Napoli capitale della nautica, il sindaco de Magistris condivide il progetto che invece la Soprintendenza vuole cancellare”
  2. La Soprintendenza di Napoli dovrà decidere, entro il 30 giugno, il futuro del salone nautico Navigare e dei 4.000 operatori
  3. Navigare: al Posillipo assegnati gli Award 2019
  4. Gennaro Amato: “Il Posillipo troppo piccolo per Navigare”
  5. Assegnati i premi ANRC Award 2018 al circolo Posillipo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66603

Scritto da Redazione su set 10 2019. Archiviato come Italia, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab