Home » Ambiente, Italia, Marinas, Nautica, News, Turismo » FEDERBALNEARI FVG E SINDACATO BALNEARI FVG: SOSPENSIONE DEI CANONI 2020 FINO AL RISTORO DEI DANNI ALLE STRUTTURE E ALLE ATTREZZATURE GIA’ SUBITI E QUELLI DELLO SPIAGGIATO CHE SI RIVERSERA’ SULL’ARENILE CON LA PIENA DEL FIUME TAGLIAMENTO DEI PROSSIMI GIORNI

FEDERBALNEARI FVG E SINDACATO BALNEARI FVG: SOSPENSIONE DEI CANONI 2020 FINO AL RISTORO DEI DANNI ALLE STRUTTURE E ALLE ATTREZZATURE GIA’ SUBITI E QUELLI DELLO SPIAGGIATO CHE SI RIVERSERA’ SULL’ARENILE CON LA PIENA DEL FIUME TAGLIAMENTO DEI PROSSIMI GIORNI

Giocano d’anticipo le associazioni di categoria dei concessionari demaniali del Friuli Venezia Giulia che sono Sindacato Italiano Balneari che fa capo a Confcommercio e Federbalneari che ha come riferimento Confapi.

Pesanti i danni subiti dai concessionari balneari (e anche a quelli di porti turistici) in questi giorni per l’acqua alta eccezionale di martedì 12 novembre che unita al vento di libeccio ha asportato intere porzioni di arenile e causato danni a strutture ed attrezzature. Dal pontile che porta al faro rosso di Sabbiadoro – a cui è ormai impossibile accedere -, ai bagni del Pontile a Mare (rifatti quest’anno dopo la mareggiata di fine ottobre 2018), dagli impianti elettrici del Kursaal fino alle vasche idromassaggio posizionate a sinistra della Terrazza a Mare a Sabbiadoro, dalla rampa del passo barca Lignano – Bibione al ristorante la Vecchia finanza di Riviera.

E il bello deve ancora venire, anzi il brutto.

La piena del fiume Tagliamento riverserà nei prossimi giorni grandi quantità di detriti, tronchi, ramaglie ed altro materiale sulla spiaggia, che andrà subito rimosso dall’arenile prima che il vento di Bora (che di solito segue di pochi giorni lo Scirocco) sotterri il materiale e ne renda difficile e molto costosa l’asportazione: per poter avere un arenile pulito per la stagione 2020, bisogna intervenire subito. L’asportazione e lo smaltimento di grandi quantità di spiaggiato sarà un onere notevole a carico dei concessionari demaniali. Altro problema creato dalla piena del fiume sarà per i porti turistici: il sedimento depositato sul fondo dello specchio acqueo andrà rimosso per garantire un adeguato pescaggio delle imbarcazioni. La procedura per ottenere le autorizzazioni è lunga, laboriosa e costosa, comprende carotaggi, analisi, relazioni di compatibilità, ecc., costi che vanno ad aggiungersi a quelli dei mezzi d’opera che eseguono l’escavo.

Altri danni a strutture ed attrezzature saranno misurabili solo quando termineranno le mareggiate in corso.

Per questo le due associazioni di categoria dei concessionari demaniali presenti in Regione Friuli Venezia Giulia fanno una proposta: spostare il pagamento dei canoni 2020 alla data in cui i concessionari saranno ristorati dai danni e comunque entro 5 anni. La proposta è motivata dai tempi lunghi delle procedure per ottenere il ristoro dei danni; quelli dell’ottobre –novembre 2018 non sono stati rimborsati che in minima parte. E’ una proposta molto simile al provvedimento preso dal Governo del premier Conte nella legge di bilancio 2018 la n. 145 del 30.12.2018 per i danni creati a fine ottobre-inizio novembre 2018 e che così recita: al comma 685, art. 1: “Quale misura straordinaria di tutela delle attività turistiche che hanno subito danni conseguenti agli eventi atmosferici verificatisi nei mesi di ottobre e novembre 2018, ubicate nelle regioni per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri 8 novembre 2018, pubblicata snella Gazzetta Ufficiale n. 266 del 15 novembre 2018, è sospeso, quale anticipazione risarcitoria in favore delle imprese balneari, il canone demaniale fino all’avvenuta erogazione del risarcimento o comunque nel limite massimo di cinque anni”.
Visto che i canoni in Regione Friuli Venezia Giulia vengono introitati dalle Regioni, il governatore Massimiliano Fedriga può emanare una norma analoga.

Sindacato Italiano Balneari e Federbalneari invitano la Regione infine a riflettere sull’opportunità di studiare delle difese soffolte o sommerse per rompere le onde delle mareggiate di scirocco che sono le più dannose perché con un fetch notevole: il vento di Scirocco ha la stessa inclinazione del mare Adriatico e quindi le onde si caricano di forza almeno da Ancona e scaricano quanto immagazzinato sulla spiaggia asportando la sabbia.

Sindacato Italiano Balneari Friuli Venezia Giulia – Salvatore Sapienza
Federbalneari Friuli Venezia Giulia – Giorgio Ardito

Leggi anche:

  1. Regione Veneto: “ALTO ADRIATICO 2020-2021″. NUOVI ORIZZONTI PER IL PROGETTO DI VENETO E FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PROMOZIONE CONGIUNTA DELLE LOCALITA’ BALNEARI
  2. GRUPPO GRIMALDI: PIENA COLLABORAZIONE ALLE INDAGINI SULL’INCENDIO ALLA GRANDE EUROPA
  3. Logistica: strategica per traffico merci la lunetta ferroviaria Sdag
  4. TRE GIORNI DI FESTA CON IL CENTRO VELICO A CAPRERA PER I SUOI (PROSSIMI) 50 ANNI
  5. Il Portodimare: si lavora in vista dei prossimi appuntamenti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70247

Scritto da Redazione su nov 15 2019. Archiviato come Ambiente, Italia, Marinas, Nautica, News, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab