peyrani
Home » Saloni nautici » Big Blu: chiusura con l’incremento del 3% di visitatori

Big Blu: chiusura con l’incremento del 3% di visitatori

Dopo nove giorni di navigazione Big Blu ha attraccato in porto tra gli applausi del pubblico entusiasta. Alla sua quinta edizione, il Salone della Nautica e del Mare di Roma chiude i battenti riconfermando la sua formula di successo capace di coniugare grandi numeri, presenze istituzionali prestigiose e attività orientate a promuovere con efficacia la cultura del mare. Un successo ancor più rilevante perché in controtendenza rispetto alle difficoltà del settore che, negli ultimi anni, hanno ridimensionato il mercato di riferimento: 800 imbarcazioni tra yacht a vela e a motore, gozzi, gommoni e fisherman; 600 espositori provenienti da tutta Italia, importanti presenze internazionali come i francesi Beneteau e Jeanneau (un importante ritorno dopo 2 anni di assenza), insieme al meglio della cantieristica laziale con un’intera sezione dedicata; 11 padiglioni capaci di offrire oltre 90.000 metri quadri di spazio espositivo e 142.136 visitatori con un incremento del 3% rispetto allo scorso anno. A testimoniare l’andamento positivo della quinta edizione del Salone sono due dati significativi: un +5% di aree espositive, rispetto alla quarta edizione, segno di una sempre maggiore credibilità acquisita dalla manifestazione; 70.000 accessi internet al sito ufficiale di Big Blu nel mese di febbraio, oltre il triplo di quelli riscossi in media dai saloni nautici italiani nei rispettivi periodi di attività, a testimoniare una comunicazione on-line accattivante.

Leggi anche:

  1. SNIM 2008

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=220

Scritto da Redazione su feb 28 2011. Archiviato come Saloni nautici. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab