peyrani
Home » Europa, News » Sbarcarono gli uomini dell’Albania portando le ali del futuro: Brindisi festeggia il ventennale degli sbarchi

Sbarcarono gli uomini dell’Albania portando le ali del futuro: Brindisi festeggia il ventennale degli sbarchi

Un mare Adriatico mosso non solo per le sue onde, ma per le barche  che lo solcavano; un mare come tanti, ma quei due giorni 6 e 7 marzo 1991, doveva essere una mare da camminare per tanti uomini, al di là del diritto internazionale che la Marina Italiana aveva avuto ordini per farlo interdire ai migliaia di “migrantes” che su boat people si dirigevano verso Brindisi. L’ambiente geografico rimarca, come un “portolano”, importanti tappe: Albania, Porto di Durazzo e di Valona , Mare Adriatico, Canale d’Otranto, lo sbarco, le banchine, vie e quartieri di Brindisi. Le barche: “Tirana” e “Siria” le più grandi; poi vi fu una vecchia petroliera, arrugginita, adeguata al caso, la “Apollonia”; poi ancora i pescherecci “Mitant Danti”, “Sokoli”, “Zadri”, “Kefi Prodanti”, “Legend” nomi scritti sui fogli/arrival/ time sheet dell’epoca  della  Capitaneria di Porto di Brindisi; tutti  entrarono in porto ed attraccarono alle banchine ed in 25000 toccarono terra. L’accoglienza è stata prima di tutto geografica e poi umana.  Oggi, stessi giorni del 2011, l’ambiente culturale è quello  che cerca di unificare il racconto dei  tanti “presenti” di allora; di non smettere di raccontare la storia alle nuove generazioni, evitando la dimenticanza, educando a fare nuova la storia: il mare che ha unito i due Paesi, due città, come Brindisi e Valona, diventi sempre più territorio dell’uomo di oggi e di domani. Quei giorni, sono stati “giorni” di  civiltà, di solidarietà , di convivialità delle differenze, di uomini capaci di convivere con un’ identità in movimento; come ambiente di giustizia,  quei “giorni”, per uomini liberi lungo il mare meridiano dell’Est-Ovest. Brindisi con la sua “alba” ha visto nascere il levante di una Puglia e non un sud contrapposto; ha visto fratelli che chiedevano solidarietà con una “pietas” scolpita sui  propri volti ; si è visto una Puglia in bianco e nero: e subito è stata “koinè”, contribuendo a creare quel percorso verso l’Europa.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. RIUNIONE A ROMA DEGLI ISTITUTI TECNICI NAUTICI: ENTRO IL 31 LUGLIO LA RIFORMA
  2. DEL NOBILE NUOVO SEGRETARIO GENERALE DELL’AUTHORITY DI BRINDISI
  3. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=274

Scritto da Abele Carruezzo su mar 7 2011. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab