Home » Internazionale, News » Sea Shepherd: indagati gli ecopirati in Australia

Sea Shepherd: indagati gli ecopirati in Australia

La polizia federale australiana ha perquisito anche quest’anno al loro attracco in Australia le navi dell’organizzazione di protesta contro la caccia alle balene Sea Shepherd, nonostante non abbia mai individuato in passato alcuna base legale per perseguire il gruppo. Due delle tre navi degli ecopirati, che con azioni di disturbo hanno costretto la flotta baleniera giapponese a chiudere in anticipo la stagione di caccia nell’Oceano Antartico, sono state accolte ieri nel porto di Hobart in Tasmania da una folla di sostenitori ma anche dagli agenti federali, che per il quarto anno di seguito hanno avviato un’indagine su richiesta di Tokyo. Il leader dei Verdi Bob Brown ha detto che la polizia federale è pressata dal governo giapponese ad agire contro Sea Shepherd, e ha esortato il ministro degli Esteri Kevin Rudd a presentare una protesta presso Tokyo. “Il nostro governo dovrebbe chiedere che sia la polizia giapponese a perquisire le baleniere che ritornano dall’Oceano Antartico, a sequestrare i loro libri di bordo e i video dei loro massacri nelle acque antartiche”, ha aggiunto Brown. L’Australia ha citato in giudizio il Giappone presso la Corte internazionale di giustizia per violazione del santuario delle balene nei mari antartici, ma una decisione non è prevista prima del 2013.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Nessun articolo correlato.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=272

Scritto da Francesca Cuomo su mar 7 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab