Home » Italia, News » Arriva il Piano di gestione per la pesca controllata

Arriva il Piano di gestione per la pesca controllata

Progressiva riduzione dello sforzo di pesca anche attraverso l’utilizzo di periodi di fermo programmati; tutela e sviluppo delle risorse ittiche; stabilizzazione del reddito dei pescatori ad un livello adeguato. Sono in sintesi gli obiettivi del Piano di gestione locale – uno strumento previsto dalla politica comunitaria di settore – che l’Emilia-Romagna propone alle marinerie in sintonia con le analoghe iniziative di Marche e Veneto. Il piano è stato avviato oggi, in un incontro tra l’assessore regionale ad Agricoltura ed economia ittica Tiberio Rabboni e i rappresentanti dei consorzi, delle cooperative e dei sindacati dei lavoratori della pesca marittima che operano in Emilia-Romagna. Al termine di un ampio percorso di consultazione e confronto, il piano per essere realizzat, dovrà essere approvato da almeno il 70% dei pescatori. “Un piano – ha commentato Rabboni – che dovrà essere ampiamente condiviso”. Nei giorni scorsi sono stati siglati due protocolli d’intesa tra i Consorzi di gestione molluschi dell’alto Adriatico (Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia-Romagna) e tra i rappresentanti delle marinerie di Porto Garibaldi, Cesenatico, Rimini e Cattolica. Le due intese fissano gli obiettivi del piano e contengono l’impegno a costituire un coordinamento unitario tra le marinerie che esercitano la pesca a strascico nella fascia costiera dalle 6 alle 12 miglia, anche per applicare il regolamento Ce 1967 del 2006 (che vieta il prelievo di pesci di piccola taglia) e a creare un’unica organizzazione di produttori. Dal confronto di stamane è emersa una situazione molto pesante del settore, ma sono venute anche diverse proposte per cercare di attutirne gli effetti, che sono state fatte proprie da Rabboni. “Il settore della pesca – ha precisato l’assessore – per continuare a vivere dovrà essere riorganizzato e ristrutturato nelle sue funzioni produttive e commerciali. Il piano di gestione dovrà tenere conto delle specificità dell’area in cui va realizzato, che comprende il delta del Po, delle deroghe per i sistemi di pesca che potremo chiedere al Ministero e all’ Unione Europea sulla base di studi scientifici già acquisiti o in corso, come ad esempio per la pesca del latterino e di altri che acquisiremo nelle prossime settimane. Inoltre destineremo agli obiettivi del piano di gestione le risorse del Fondo europeo ed altre risorse che cercheremo di attivare, comprese quelle per allargare i beneficiari e i contributi per le imbarcazioni non più adeguate all’attività e alle nuove regole comunitarie”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: pronto il Piano della logistica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=282

Scritto da Salvatore Carruezzo su mar 8 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab