peyrani
Home » Internazionale, News » Sistema Telecomunicazioni sul Manchester Ship Canal

Sistema Telecomunicazioni sul Manchester Ship Canal

Irlam Container Terminal, con più di 20 anni di esperienza sul fronte della distribuzione logistica delle merci in Inghilterra, dopo aver realizzato lo Ship Canal – circa 27 miglia -  sulla “autostrada verde” che collega Liverpool e Manchester – si è dotato di un ulteriore sistema operativo per permettere agli operatori  le proprie operazioni nel minor tempo possibile. Il sistema, chiamato Terminus, fornirà un significativo miglioramento dei sistemi di messaggistica Irlam, offrendo una visibilità completa, casella di stato e di interfaccia con i clienti. Terminus, sviluppato da Peel Ports ‘in-house team IT, è l’ultima parte di una più ampia strategia di investimento da Peel Ports all’avanguardia IT e sistemi operativi attraverso il porto di Liverpool e il Manchester Ship Canal. David Huck, Peel Ports Mersey’s Head di Port Operations, ha dichiarato: “Il Terminus, sistema operativo nuovo Irlam, ci permetterà di offrire al cliente, in tempo reale, messaggistica formati standard di documenti delle merci – soprattutto container – imbarcate su navi. Questo è un requisito fondamentale per un alto valore aggiunto per le operazioni di carico e scarico delle navi”. Ad un livello operativo, il sistema Terminus fornirà una soluzione grafica per la gestione del contenitore; parco container, vista nave-chiatta con piano di carico, clienti e segnalazione del trasportatore; un vero sistema operativo capace di integrare il Manchester Ship Canal e il porto di Liverpool in una soluzione multimodale. Occorre sottolineare che il porto di Liverpool ha registrato un aumento del 20% dei volumi di container nel primo semestre del 2010 , grazie ad una fornitura a “chain” (logistica)  ed a un costo inferiore per tutta la Gran Bretagna centrale e settentrionale. Questo investimento consentirà alle compagnie marittime di utilizzare tutti i terminal-point, lungo il canale di imbarco/sbarco per restituire il carico ai distripark verso l’entroterra, offrendo livelli standard di mobilità merci.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Nessun articolo correlato.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=471

Scritto da Emanuela Carruezzo su mar 30 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab