peyrani
Home » Italia, News » Conferenza marina mercantile e cantieristica

Conferenza marina mercantile e cantieristica

Da Sorrento partono alcune proposte relative alla “gente di mare” che possono essere di esempio per tutto lo shipping nazionale. Il 28 marzo, in Villa Fondi di Piano di Sorrento, i sindaci delle Città marinare della Penisola Sorrentina, si sono riuniti per discutere della grave crisi che sta affliggendo il comparto marittimo nazionale sia a livello strutturale che occupazionale. Il professor Ruggiero, sindaco di Piano di Sorrento, ha detto che quando la crisi colpisce la penisola sorrentina, vuol dire che la situazione marinara della nostra Italia è proprio “grave”. Dopo le dovute relazioni di analisi sulla crisi, la più importante dell’ultimo cinquantennio, si è pervenuto ad un documento di proposte da indirizzare al Governo, alla Regione Campania ed alla Presidenza della Repubblica. In campo occupazionale, inizia il documento, si chiede il rispetto nell’applicazione della legge 30/98, meglio definita del ”Registro Internazionale” per ciò che attengono gli art. 1-2 e 9-ter. ; si propone il divieto d’iscrizione al Registro Internazionale delle navi di Cabotaggio e la piena  funzionalità dell’Osservatorio del Lavoro; restituzione immediata dei “Titoli Professionali” soppressi con Decreto del Ministro nel 2007; abrogazione dell’art. 292 bis del Codice della Navigazione che autorizza l’imbarco di Comandanti stranieri a bordo di navi battenti bandiera italiana; riunificazione della Gente di Mare sopprimendo il D.M. 121 /2005. Per quanto riguarda le Strutture di Governo, si chiede il  ripristino del Consiglio di Gabinetto del Ministro della Marina Mercantile, soppresso con la riduzione dei dicasteri raggruppati dal provvedimento normativo c.d. Bassanini, in modo da disciplinare le attività della Marina Civile, con specificità nelle materie che riguardano il comparto marittimo; revoca della delega al Governo per gli affari che riguardano i problemi della marineria Nazionale istituita con la legge 30, restituendo al Parlamento la possibilità di legiferare direttamente sulle numerose tematiche del comparto marittimo e della navigazione. Sulla cantieristica, si propone la  reintroduzione degli incentivi per la costruzione, la demolizione e per le attività di adeguamento del naviglio nazionale alle nuove norme nazionali ed internazionali in materia di sicurezza marittima e di tutela e difesa dell’ambiente, per le attività di cui innanzi, effettuate all’interno di cantieri nazionali o con l’utilizzo di strutture in territorio italiano. Questo il documento programmatico, firmato dalla presidenza della Conferenza sulla Marina Mercantile e sulla cantieristica.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Toscana: il polo nautico torna a crescere
  2. Porto di Fano: grazie a Marina dei Cesari diventa snodo per la Croazia
  3. Giurgola: “Presto accordo con la Marina per aree portuali”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=475

Scritto da Abele Carruezzo su mar 31 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab