peyrani
Home » Internazionale, News » La più grande riserva marina del mondo

La più grande riserva marina del mondo

Il Governo Britannico ha realizzato la più grande riserva marina del mondo situata intorno alle Isole Chagos; la riserva copre una superficie di 545.000 chilometri quadrati, quasi tutto l’arcipelago dell’Oceano Indiano, considerato come uno dei più ricchi ecosistemi marini del pianeta. Il Ministro degli esteri britannico, David Miliband, ha detto che una simile riserva è la prima di così vasta copertura marina sotto protezione. “La sua creazione – ha commentato il Ministro – è un importante passo avanti per proteggere gli oceani, non solo in giro per BIOT (Territorio Britannico dell’Oceano Indiano) stesso, ma anche in tutto il mondo. Questa misura è una ulteriore dimostrazione di come il Regno Unito, sul serio,  si assume le proprie responsabilità ambientali, a livello internazionale”.  L’arcipelago, che costituisce la riserva,  è stato paragonato alle isole Galapagos e in Australia’s Great Barrier Reef; la struttura ospita la più grande colonia del mondo di corallo vivente – la Grande Banca Chagos -; vi si trovano più di 220 specie di coralli – quasi la metà delle specie registrate di tutto l’Oceano Indiano, e più di 1.000 specie di pesci di barriera.  Non mancano le proteste. Gli ex residenti delle isole, che furono sfrattati dal territorio d’oltremare britannico tra il 1967 e il 1971, per far posto alla base US Air Force sulla più grande isola, Diego Garcia, hanno combattuto una lunga battaglia nei tribunali del Regno Unito per il diritto di tornare a risiedere quelle isole. Alcuni Chagossiani sostengono che l’istituzione dell’area marina protetta (MPA) comprometterebbe la vita degli isolani, impedendo loro di pescare, essendo questa l’unica attività principale di sostentamento per quegli abitanti; per questo, sono proprio i Chagossiani che ora intentano la loro causa attraverso corti europee. Nel suo discorso, il Ministro inglese Miliband ha sottolineato che la decisione era stata presa a seguito di una consultazione, quasi plebiscitaria a favore della riserva (il 90% degli aventi diritto al voto). Comunque, egli ha anche detto che il Foreign Office continuerà a sentire e a mediare tutte le parti interessate; ha aggiunto che la decisione sulla zona di protezione “è, ovviamente senza pregiudizio per la decisione finale, in attesa del procedimento dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo”.  Nel 2010, Anno Internazionale della Biodiversità, il Regno Unito si è assicurato un lascito di conservazione che non ha eguali in dimensioni e rilevanza, per dimostrare al mondo che è leader nella conservazione delle risorse marine del mondo, per il beneficio delle generazioni future.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Conferenza marina mercantile e cantieristica
  2. Porto di Fano: grazie a Marina dei Cesari diventa snodo per la Croazia
  3. Giurgola: “Presto accordo con la Marina per aree portuali”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=477

Scritto da Emanuela Carruezzo su mar 31 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab