Home » Internazionale, News » Charting the tidal Thames: SIS map at Port of London

Charting the tidal Thames: SIS map at Port of London

You would want to be pretty sure that your navigation charts were accurate and up to date.

SIS (Spatial Information System) Map  è lo strumento ideale per visualizzare, tematizzare  e stampare carte geografiche e nautiche in particolare. Sicuramente vi siete domandati come fanno le navi ad attraccare nel porto di Londra. I piloti del porto di Londra sono responsabili della navigazione di navi moderne, lunghe circa 270 metri, lungo l’estuario del Tamigi e poi per diverse miglia nel porto bacino, avendo meno di due metri d’acqua sotto la chiglia. Ebbene, tutto questo i piloti della Port of London Authority devono affrontare ogni giorno; certamente si basano su tabelle mareografiche edite dal Servizio Idrografico della PLA e con l’ausilio della più recente cartografia digitale e del GIS (Sistema di informazione geografica), oggi può essere più facile e più sicuro. A noi turisti, quando vediamo il Tamigi riflettiamo sulla sua bellezza e valutiamo la sua attrazione turistica. In realtà, il Porto di Londra è il secondo  porto più grande nel Regno Unito; gestisce oltre 52 milioni di tonnellate di merci ogni anno, di cui circa 18 milioni di tonnellate di petrolio e prodotti petroliferi; presenta una attività portuale di circa 25.000 movimenti di navi all’anno da oltre 70 moli di ormeggio e terminali di carico lungo il fiume. Oltre a questa attività merceologica  generale, vi è un crescente aumento di traffico per il settore turistico per navi da crociera in grado di navigare sul Tamigi ed attraccare nel centro di Londra. Il porto di Londra comprende l’intero fiume del Tamigi, da Teddington nella zona ovest di Londra, a est verso un immaginaria linea attraverso l’estuario del Tamigi tra Margate e Clacton- on-Sea. La responsabilità di diritto pubblico della navigazione e per  la tutela del fiume su questa intera distanza – circa 140 km – è affidata alla Port of London Authority (PLA), che possiede la maggior parte del letto del fiume. Per assicurare che il porto di Londra mantenga la sua posizione come principale porto del Regno Unito, il PLA continua a investire in servizi, come dragaggi del fiume e continua rilevazione dei dati idrografici;  durante la rilievi idrografici, la misurazione della profondità è effettuata da multi- ecoscandagli a fascio con 450  trasduttori di 200KHz, dando una copertura totale del letto del fiume. Il posizionamento è quasi esclusivamente ottenuto tramite un Differential Global Positioning System (DGPS), con le correzioni trasmesse  da una ground station di riferimento via radio VHF; grazie alla disponibilità dei dati  del SIS, l’Istituto Idrografico Inglese sta producendo carte nautiche elettroniche ENC. Con questi nuovi strumenti cartografici, la PLA garantisce carte per tutti i naviganti e yachtmen.

Corrispondente da Londra
Em.Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Queen’s Diamond Jubilee Celebrations
  2. Port of Southampton: crescono gli ormeggi
  3. Otto con gara “Fiume”
  4. Abbiamo visitato per voi Greenwich Yacht Club
  5. La nave di Sua Maestà

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=529

Scritto da Emanuela Carruezzo su apr 11 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°4

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere con un focus sull'Italian Cruise Watch e l'Ocean Cay di MSC Crociere. Due interviste esclusive ai presidenti di Autorità di Sistema: Pietro Spirito e Sergio Prete. Una riflessione sulla "Rotta Artica" ed un approfondimento sulla fascia costiera brindisina: estetica, criticità ed opportunità. Poi approfondimenti sulle Zes ed un progetto: "COSIRIFAREIBARI" che mira a cambiare il modo di spostarsi in città.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab