Home » Internazionale, News » La Bottiglieri liberata dall’attacco dei pirati

La Bottiglieri liberata dall’attacco dei pirati

La Giuseppe Bottiglieri Shipping Company Spa è lieta di comunicare che, nella notte fra il 14 ed il 15 aprile 2011, la M/C Alessandra Bottiglieri è stata liberata. La petroliera, battente bandiera italiana, è stata oggetto di attacco da pirati, per circa 48 ore, mentre era al largo del porto di Cotonou (Benin, Africa Occidentale), dove si trovava in attesa di scaricare un carico di benzina. Stanno tutti bene i 22 membri di equipaggio, di cui 6 italiani e 16 indiani, con i quali gli armatori hanno sempre mantenuto costanti contatti telefonici, aggiornando in tempo reale le relative famiglie. L’azienda di navigazione esprime sollievo e soddisfazione per il veloce e positivo esito con cui si è conclusa l’emergenza e coglie l’occasione per ringraziare sentitamente per l’efficiente quanto preziosa collaborazione in primis il Comandante Raffaele Cardillo e l’equipaggio tutto della M/C Alessandra Bottiglieri con le loro rispettive famiglie, nonché le autorità competenti, l’unità di crisi della Farnesina, l’Ammiraglio Brusco e l’organico tutto del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, gli organismi consolari presenti in Africa Occidentale e lo staff tutto dell’ufficio di Napoli.

Leggi anche:

  1. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=566

Scritto da Redazione su apr 15 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab