peyrani
Home » Italia, News » Trivellazioni off shore: domani vertice con il ministro Prestigiacomo

Trivellazioni off shore: domani vertice con il ministro Prestigiacomo

Il presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio e il consigliere delegato alle problematiche petrolifere Franco Moroni incontreranno domani a Roma, il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, insieme ad una delegazione della Provincia di Foggia: si discuterà del pericolo petrolizzazione a largo delle coste di Abruzzo, Molise e Puglia. È datata 5 aprile 2011 l’istanza di pronuncia di compatibilità ambientale relativa al permesso di ricerca di idrocarburi in mare presentata da Petroceltic Italia srl e che interessa un ampio tratto della costa della Provincia di Chieti. “Al ministro Prestigiacomo, diremo che l’Abruzzo e la Provincia di Chieti hanno già dato in termini di insediamenti petroliferi sia in mare che a terra – annuncia il Presidente Di Giuseppantonio – e che da anni abbiamo fatto una scelta netta a favore del turismo e di uno sviluppo ecocompatibile dell’ambiente e del territorio. Dal momento in cui questa amministrazione si è insediata, stiamo perseguendo una linea coerente, di natura tecnica. Non siamo pregiudizialmente contro ogni tipo di insediamento ma procediamo con un’attenta analisi dei documenti. E laddove si può ipotizzare un pericolo, concreto, anche se non immediato, interveniamo nelle sedi competenti per far sentire la nostra voce. È ciò che faremo anche domani, in sinergia con la Provincia di Foggia, alla quale ci lega la necessità di dover tutelare un ampio tratto di costa e di mare. La Provincia di Chieti ha scelto la strada del turismo e dello sviluppo sostenibile, una scelta rispetto alla quale non si può tornare indietro”. “Oggi – dice inoltre Moroni – le continue domande per la ricerca di idrocarburi, con il loro impatto anche sull’immagine del nostro territorio, rischiano di vanificare il lavoro sia di interi comparti produttivi come quello dell’agricoltura, sia l’azione di promozione turistica portata avanti negli ultimi 20 anni, mentre ulteriori insediamenti estrattivi metterebbero in crisi quell’industria turistica che può e deve rappresentare un’alternativa alla vacillante economia legata all’industria tradizionale. La creazione di un pugno di posti di lavoro su una piattaforma petrolifera non può giustificare eventuali, problemi all’ambiente e all’economia turistica”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Trivellazioni alle Isole Tremiti: la protesta degli ambientalisti
  2. Isole Tremiti: mobilitazione contro le trivellazioni
  3. Soprintendenza del Mare: strumento per la tutela della cultura e dell’ambiente del mare
  4. REGATA NAZIONALE 420: al via domani
  5. S.N.I.M. 2008 ALLA B.I.T.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=645

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 26 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab