peyrani
Home » Internazionale, News » International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati

International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati

La condanna degli atti di pirateria navale è unanime a tutte le latitudini. La settimana scorsa, in un forum organizzato dalla londinese International Institute for Strategic Studies, meeting sulla maritime safety, è stato sottolineato come l’International Maritime Organization (IMO) ha espresso la propria preoccupazione per il trattamento dei marittimi ostaggio dei pirati somali; trattati come “scudi umani” sia a bordo delle loro navi-madre che a terra nei loro rifugi. L’aumento degli attacchi rispetto all’anno scorso è una diretta conseguenza delle grandi quantità di riscatto attualmente pagate ai pirati. I pirati sono l’estensione del modello di business per il modo di pagare i loro membri dei commandos sulla base delle competenze o di altre attività, come le armi, che possono ottenere dalla missione, ha detto l’Ammiraglio Roughead. Mentre le compagnie di navigazione, pur adottando sempre più pratiche o tecniche per ridurre il rischio di un attacco dei pirati, si trovano di fronte a pagamenti di riscatto ed elevati tassi di assicurazione. “I think the shipping companies are aware of the fact the ransoms are not helpful – ha concluso l’Ammiraglio Roughead -. My sense is that it is a business decision on their parts”. Inoltre, al forum, si è detto che l’IMO è molto preoccupata  per il benessere di tutti i marittimi innocenti, detenuti in cattività, ed è impegnata in azioni per il loro rilascio tempestivo. E’ stato ricordato il caso della bulk carrier italiana “Rosalia D’Amato” dirottata e sequestrata il 21 aprile ultimo scorso nell’Oceano Indiano a 350 miglia a sud-est di Salalah Oman, con 21 persone di equipaggio, di cui 15 di nazionalità delle Filippine e 6 italiani. Il meeting ha rimarcato le difficoltà per intraprendere azioni legali contro i pirati;  basti pensare al caso dei 18 pirati fermati dalla Marina Militare finlandese per il presunto attacco alla nave “Pacific Opal” battente bandiera di Singapore il 6 aprile scorso. Rilasciati e tornati in Somalia il 21 aprile, perché nessun Stato era disposto a perseguirli in tempi relativamente brevi e certi. In conclusione dell’incontro, si è detto che al 28 aprile 2011, i pirati somali detengono 26 navi e 518 ostaggi: dati forniti dall’International Maritime Bureau (IMB).

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Sequestro Rosalia D’Amato: ancora silenzio dai pirati
  2. Yacht in transito nelle acque dei pirati
  3. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano
  4. La Bottiglieri liberata dall’attacco dei pirati
  5. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=764

Scritto da Emanuela Carruezzo su mag 5 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab