Home » Italia, News » Porto di Brindisi: parte la riqualificazione del lungomare

Porto di Brindisi: parte la riqualificazione del lungomare

Brindisi – Sono 10 i milioni di euro già stanziati per riqualificare il lungomare regina Margherita e ristrutturare le banchine portuali Dogana, Centrale, Montenegro, Sciabiche e De Revel. Lavori necessari per la condizione del banchinamento e per realizzare il progetto del water front di Brindisi. In particolare la manutenzione di queste ultime si è resa necessaria, dopo anni di scarsa attenzione e pochissimi interventi. Lo scorso anno infatti, per l’arrivo di alcune grandi navi da crociera l’Autorità portuale, in accordo con la Capitaneria di porto, decisero di spostare l’attracco a Sant’Apollinare nel timore di qualche cedimento. Adesso, con i fondi di Area Vasta, tre progetti saranno messi a bando e il lavori partiranno a settembre. I primi tre stralci riguardano il lungomare Regina Elena, quello Regina Margherita e il tratto di banchina da Palazzo Montenegro a piazzale Lenio Flacco. Il primo costerà circa 3,6 milioni di euro e comporterà lo smantellamento del fascio di binari dismesso nei pressi dell’ex Stazione marittima. Già pronto è anche il bando per la seconda parte dei lavori che riguardano il lungomare e costeranno 4,6 milioni di euro: l’appalto, senza ribasso d’asta, è finanziato con fondi Por 2000-2006 e con una parte dell’investimento messo a disposizione dell’Autorità portuale, sarà assegnato entro l’estate e a settembre dovrebbero partire i lavori. Infine, l’ultimo tratto che ha ricevuto il finanziamento dalla Regione Puglia la scorsa settimana, riguarda invece il tratto di lungomare da Palazzo Montenegro a piazzale Lenio Flacco. “Anche questo finanziamento è stato approvato di recente – ha raccontato il vice sindaco di Brindisi Mauro D’Attis – e consentirà di migliorare ulteriormente il fronte mare della città. Tutti i finanziamenti di Area Vasta ottenuti, hanno proprio lo scopo di realizzare quei lavori necessari a concretizzare parte della cosiddetta Città d’acqua che stiamo progettando”.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Brindisi-Corfù: porto interno interdetto e controlli extra della Capitaneria
  2. Brindisi e la vocazione euromediterranea: Marinò punta sui meccanismi d’integrazione
  3. Porto di Ortona: 95 milioni di euro per l’ampliamento dello scalo
  4. Porto di Brindisi: parte lo studio del Piano della costa
  5. Porto di Ancona: parte il progetto della passeggiata “da mare a mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=810

Scritto da Francesca Cuomo su mag 8 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab