Home » Internazionale, News » Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati

Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati

Per la petroliera italiana “Savina Caylin”, caduta nelle mani dei pirati somali, sono già trascorsi più di tre mesi. I 22 marittimi sono trattenuti in ostaggio – 17 sono indiani e 5 italiani – ed ancora non si conosce a che punto sono le trattative. Il governo ha imposto una sorta di “black out” nelle informazioni. Un silenzio voluto soprattutto dal ministro della Difesa, Ignazio La Russa e da quello degli Esteri, Franco Frattini, per non disturbare le trattative. In questi giorni poi, come abbiamo riferito, il Governo italiano ha approvato l’impiego di militari della Marina o di guardie private armate, contractor, a bordo delle navi italiane per far fronte alla minaccia dei pirati. Molti sono convinti che questa scelta produrrà un inasprimento degli assalti pirati e quindi un innalzamento del livello di violenza con conseguente rischio per i lavoratori a bordo di queste navi. Ai cinque della “Savina Caylin” si sono aggiunti altri sei marittimi italiani, quelli della “Rosalia D’Amato”. Bisogna dire che il riscatto è l’unica contropartita a cui i pirati non hanno mai rinunciato per liberare nave ed equipaggi. Da informazioni dell’Apostolatus Maris tra i marittimi trattenuti vi sono anche dei ragazzi, dei minorenni di nazionalità egiziana e danese; i primi erano mozzi a bordo di pescherecci egiziani caduti nelle mani dei pirati somali. Mentre i minori danesi sono i tre figli della coppia catturata con il loro yacht, come riportammo mesi addietro. Per questi, nessuna voce/scritto/parola si è alzata a difesa: minori abbandonati sia da parte di singole persone e sia da parte di organismi internazionali che della difesa dei diritti dei minori ne fanno motivo di esistere. Ma per non disturbare le trattative, tutti esigono il “silenzio stampa”.

Foto:  fonte web

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati
  2. Sequestro Rosalia D’Amato: ancora silenzio dai pirati
  3. Yacht in transito nelle acque dei pirati
  4. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano
  5. Gli attacchi dei pirati non si fermano: attaccata anche la Bottiglieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=957

Scritto da Abele Carruezzo su mag 17 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab