peyrani
Home » Internazionale, Legislazione, News » IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi

IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi

A margine della conferenza sulla sicurezza della scorsa settimana, l’IMO, (International Maritime Organization). delle Nazioni Unite, ha approvato l’impiego di guardie armate private a bordo di navi in transito nelle acque infestate dai pirati al largo della Somalia, dopo un incontro presso la sua sede di Londra.

“Il posizionamento di guardie armate a bordo deve essere considerato solo dopo aver effettuato una valutazione dei rischi. Ed è anche importante coinvolgere il comandante nel processo decisionale”, si legge nella dichiarazione IMO. A riguardo, uno studio della neonata Security Association for the Maritime Industry, associazione di sicurezza per il settore marittimo (SAMI), sottolinea che  già il 10-12 per cento delle navi in transito nelle acque infestate dai pirati impiegano guardie armate; e per questo la SAMI sta cercando di stabilire i livelli standard di servizio, secondo le normative IMO. A conclusione della riunione di Londra, l’Agenzia delle Nazioni Unite ha confermato che il  contingente navale della zona, EU NAVFOR,  è di 23 navi e 518 marinai ostaggi sono ancora prigionieri.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati
  2. GIORNATA EUROPEA DEL MARE: “Fermare la pirateria marittima: la volontà è la strada?”
  3. International for Strategic Studies: marittimi–ostaggi dei pirati
  4. La Rosalia D’Amato in silenzio stampa
  5. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1112

Scritto da Emanuela Carruezzo su mag 25 2011. Archiviato come Internazionale, Legislazione, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab