peyrani
Home » Infrastrutture, Italia, News » Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti

Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti

Alla  XII Convention nazionale sui problemi portuali, nella sessione pomeridiana si sono contrapposti due strategie nazionali relative ai “corridoi” tirrenico/adriatico. Il professor Maurizio Maresca ha sottolineato che il sistema portuale italiano sta vivendo una crisi forte per quanto riguarda la programmazione delle infrastrutture a tal punto che stiamo rischiando di rimanere fuori dalle connessioni trasportistiche mondiali (vedasi le strategie delle grandi Compagnie come la Maersk sui porti dell’alto Adriatico).

Il professor Maresca, esperto di politiche dei trasporti, docente di Diritto europeo dei trasporti, Vice presidente della Unicredit Logistic, offerto a tutti i presenti un’analisi articolata della situazione trasportistica euro-mediterranea e le relative infrastrutture. Maresca parte da una premessa: “occorre che si creino nei due corridoi più importanti per l’Italia, al massimo due basi terminalistiche competitive con i porti del Nord Europa e servite da strutture di eccellenza, specie da quelle della modalità ferroviaria”.

Dopo tanto studio ed analisi a livello italiano/europeo, dopo numerosi confronti di validità industriale-economica sui tavoli ministeriali, si è giunti ad un punto di non ritorno e Maresca ha sottolineato la necessità di una politica di sviluppo mirata , non basata su campanilismi fra autorità portuali  e soprattutto non basata sull’”antieuropea ridistribuzione del traffico”. Poi è passato ad affermare che è tempo di realizzare infrastrutture che stanno sulle direttrici di traffico e che generano traffici; soprattutto perché generano lavoro ed occupazione  e  principalmente evitano di isolare aree portuali/marittime del nostro Paese, con perdite economiche forti che inevitabilmente si riverseranno sui nostri giovani.

Tre punti strategici ha ricordato Maresca: aprire il mercato  per liberalizzare i traffici; cioè avere il coraggio di sopprimere le miserie di alcune realtà portuali fuori mercato;  porti costruiti con i soldi pubblici, dove nessun vettore marittimo è interessato non servirà  a quel territorio e regione marittima;  costituire un settore, all’interno dell’Autorità di Garanzia, per regolamentare uniformemente tariffe e concessioni in tutte le realtà portuali italiane; regole chiare e trasparenti per tutti; una riforma della legge sulla portualità italiana più ancorata verso i traffici e meno burocrazia.

Su questa linea, ha ricordato che Unicredit ha scelto Monfalcone (corridoio adriatico), per le sue caratteristiche infrastrutturali e per la coesione del territorio ed per questo che Unicredit non può aspettare le valutazioni ministeriali in eterno. Se si investe su di una progettualità dei denari, si ha anche il diritto di una risposta positiva/negativa che sia. Il dibattito è stato ampio e costruttivo su tutti i fronti. Per creare nuova portualità, oggi, le infrastrutture devono stare dentro i traffici marittimi internazionali, tenendo presente, diciamo noi, anche la crisi che il Mediterraneo sta attraversando.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Convention Propeller Club: istituzioni e tecnici discutono di infrastrutture portuali
  2. Commissione Trasporti: il verbale del 25 maggio sulle nomine delle Autorità portuali
  3. Attività / Logiche portuali
  4. Le logiche portuali
  5. La Sicilia punta sui porti turistici

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1240

Scritto da Abele Carruezzo su mag 27 2011. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab