peyrani
Home » Centro, News » Porto di Ravenna: 2,8 milioni di euro per il progetto Adrimob

Porto di Ravenna: 2,8 milioni di euro per il progetto Adrimob

Navi, biciclette e autobus: sono i vettori del progetto Adrimob presentato a Ravenna, nella sede della Provincia.

Si tratta di un progetto sostenuto dall’Unione Europea (che erogherà all’ente provinciale un finanziamento di circa 300mila euro) che incoraggia la mobilità sostenibile nei porti e i collegamenti marittimi tra le varie aree dell’Adriatico.

“A Ravenna sarà sperimentato – spiega il vicepresidente della Provincia, Gianni Bessi – nel terminal crociere di Porto Corsini.Qui saranno a disposizione bici e autobus navetta per fare la spola con il centro storico. Si tratta di due sperimentazioni a cui faranno seguito in futuro ulteriori implementazioni. Vorremo coinvolgere infatti anche la collina faentina e il parco del Delta”.

Ravenna è ente capofila del progetto che coinvolte anche le Province di Brindisi, Pesaro-Urbino, Venezia, Rimini e alcuni porti della costa orientale dell’Adriatico, tra cui Rovigno, in Croazia. Sono queste le città in cui strutturare una rete intermodale che consenta ai viaggiatori di potersi spostare agevolmente utilizzando le vie d’acqua. Il costo totale del progetto è di 2,8 milioni.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico
  2. Porto di Palermo: 75 milioni di euro per l’Interporto
  3. Porto di Ortona: 95 milioni di euro per l’ampliamento dello scalo
  4. Porto di Pescara: interventi per 20 milioni di euro
  5. Porto di Monfalcone: pronti 8 milioni di euro per gli escavi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1783

Scritto da Salvatore Carruezzo su giu 15 2011. Archiviato come Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab