peyrani
Home » Italia, Marinas, News » Costa brindisina interdetta: l’Autorità di Bacino conferma divieti

Costa brindisina interdetta: l’Autorità di Bacino conferma divieti

L’ennesimo tentativo di riaprire gli stabilimenti balneari chiusi dall’ordinanza di interdizione della costa, è andato fallito.

L’ultimo riunione, che si è svolta questo pomeriggio, tra i rappresentanti del Comune e quelli dell’Autorità di Bacino ha visto ancora una volta questi ultimi negare la possibilità di riaprire.

I gestori degli impianti, dopo l’ordinanza e l’inevitabile chiusura, avevano infatti chiesto un declassamento del rischio. Il 75% della costa, proprio dopo i sopralluoghi dell’ente regionale, era stato classificato come Pg3, ossia ad elevato rischio di crollo.

Lo scopo dei titolari delle concessioni, anziché seguire le indicazioni e presentare progetti di mitigazione, era stato invece quello di puntare al declassamento. Avevano infatti presentato i calcoli statici che, secondo i geologi da loro consultati, avrebbero dimostrato che venivano rispettate le norme di sicurezza e che non c’era alcun pericolo per i bagnanti.

Oggi il diniego verso questa procedura è stato confermato, così come pure la bocciatura per gli studi presentati. L’Autorità di Bacino ha ribadito di essere pronta a valutare in tempi rapidi i progetti che possano garantire, attraverso vere e proprie opere di contenimento, la sicurezza in spiaggia. Solo tre degli stabilimenti hanno seguito entrambe le procedure e restano in attesa dell’approvazione.

L’Autorità di Bacino ha garantito tempi brevi per l’approvazione così come pure il Comune ha già confermato che i permessi per la realizzazione delle opere di contenimento saranno emessi in tempi rapidi.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Costa brindisina interdetta: bocciati tutti i progetti per mettere in sicurezza la falesia
  2. Costa brindisina interdetta: gli stabilimenti chiedono declassamento del rischio
  3. Costa brindisina interdetta: pronti i primi progetti per mettere in sicurezza la falesia
  4. Costa brindisina interdetta: le precisazioni del sindaco Mennitti
  5. Interdizione della costa brindisina: spetta ai privati intervenire

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2183

Scritto da Francesca Cuomo su giu 30 2011. Archiviato come Italia, Marinas, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab