peyrani
Home » Legislazione, News » Bridge Navigational Watch Alarm System: il ponte di guardia è servito

Bridge Navigational Watch Alarm System: il ponte di guardia è servito

Molti dei sinistri marittimi, quali collisioni ed incagli, si concludono con relazioni peritali che danno risalto a cause derivanti da inoperosità, in tempo utile, del personale di guardia sul ponte di una nave (errore umano).

Ed allora, ecco una specie di “tutor” del ponte della nave, abile a rilevare, errori, distrazioni, inadempienze da parte dell’Ufficiale di guardia sul ponte; sostanzialmente esegue un monitoraggio continuo del livello di attenzione dell’Ufficiale tramite allarmi ed indicazioni ottici; naturalmente, il sistema è impostato su situazioni standard di “previsione” e di “situazione” del rischio nautico, lasciando sempre all’uomo l’ultima decisione di nuove manovre in sicurezza per evitare danni alle persone, alla nave, al carico ed all’ambiente.

Dal primo luglio 2011, entrerà in vigore la Regola V-19 della convenzione internazionale SOLAS (Safety Of Life At Sea): navi da carico (con stazza lorda superiore a 150 tons), navi passeggeri (qualunque stazza) si dovranno dotare di un Bridge Navigational Watch Alarm System – BNWAS – seguendo lo schema d’implementazione previsto dalla stessa Solas.

Il sistema di allarme è flessibile, cioè lo si può rendere inattivo solo dai 3 ai 12 minuti, a discrezione del comandante; dopo questo periodo scatta un  segnale visivo sul ponte visibile da tutte le postazioni; se non viene resettato, dopo 15 secondi parte un primo allarme sonoro, udibile da tutte le postazioni operative del ponte; se ancora non viene resettato, dopo 15 altri secondi, parte un secondo allarme sonoro; dopo 90 secondi (1 minuto e mezzo), se ancora non resettato, il sistema fa partire un terzo allarme udibile da tutte le postazioni di altri membri dell’equipaggio: quasi per dire che sicuramente qualcuno, a bordo, dovrà sentire questo allarme.

Il Comitato per la Sicurezza Marittima (MSC) dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), nell’emendare la regola V-19 (Prescrizioni per la sistemazione a bordo degli impianti e delle apparecchiature per la navigazione) della SOLAS, ha sottolineato che un tale sistema di allarme – BNWAS – deve essere rispondente a standard qualitativi rispondenti alla risoluzione MSC.128 -75, con attivazione continua durante la navigazione.

Le scadenze: per navi da carico (stazza pari o superiore a 150 tonnellate), navi passeggeri (qualsiasi stazza) costruite a partire dal 1 luglio 2011; navi da carico (stazza pari o superiore a 3000 tons), navi passeggeri (qualsiasi stazza), costruite prima del 1 luglio 2011, non più tardi della prima visita dopo il 1 luglio 2012 (not later than the first survey after 1 July 2012); navi da carico (stazza tra le 500 e le 3000 tons) costruite prima del 1 luglio 2011, non più tardi della prima visita dopo il 1 luglio 2013; navi da carico (stazza tra le 150 e 500 tons) non più tardi della prima visita dopo il 1 luglio 2014.

Tutti i sistemi di allarmi, installati prima del 1 luglio 2011, possono essere esentati, a cura dell’Amministrazione, se non rispondenti pienamente  alla MSC.128-75.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Guardia costiera e Arpav intensificano controlli in Veneto
  2. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi
  3. Uno skiff di pirati ha attaccato un “mammut” italiano
  4. Bridge and Navigation Suite for Next-Generation UK Aircraft Carriers
  5. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2221

Scritto da Abele Carruezzo su lug 1 2011. Archiviato come Legislazione, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab