peyrani
Home » Cantieri, Europa, News » ThyssenKrupp: cantiere navale Blohm and Voss in vendita

ThyssenKrupp: cantiere navale Blohm and Voss in vendita

La ThyssenKrupp, in questo periodo, è impegnata in business di vendita dei suoi cantieri per da una ristrutturazione aziendale capace di affrontare i prossimi anni.

Dopo due anni, le trattative con l’Emirato arabo di Abu Dhabi sono fallite; mentre per la sezione costruzione mercantile del cantiere – HDW a Kiel – ha avuto esito positivo. La ThyssenKrupp è ora alla ricerca – entro i prossimi 18 mesi – di un nuovo acquirente per le sezioni costruzione mercantili di Blohm and Voss, mantenendo per sè la sezione costruzione militare.

Già nell’autunno del 2009, entrambe le parti avevano concordato, in linea di principio, al business con gli arabi che avrebbero preso in consegna la sezione costruzione di navi fino a 700 milioni di euro, per lo più costosi mega-yacht, l’officina e una divisione di ingegneria.

Da tener presente che la sezione civile-mercantile, della Blohm and Voss, presenta, secondo ThyssenKrupp, un fatturato di circa € 476.000.000, (esercizio finanziario 2009/10), con circa 1440 dipendenti. Poi, un contratto è stato firmato da entrambe le parti nel mese di aprile 2010 e la Commissione UE ha dato il via libera in agosto 2010 per il business.

Ma sono intervenuti contrattempi economico-burocratici da parte di Mubadala di Abu Dhabi, facendo naufragare la trattativa. Per realizzare la vendita della sezione-costruzione civile di Blohm and Voss, i colloqui con altre parti interessate sono risultati interessanti e proficui, ha annunciato, venerdì scorso, Olaf Berlien, responsabile della ThyssenKrupp cantieri e membro del consiglio; mentre è ancora esclusa una eventuale vendita ad Abu Dhabi Mar, visto che  Cantieri ThyssenKrupp sono in piena attività con bilancio positivo nella prima metà dell’anno fiscale 2010/11, ha sostenuto ancora Berlien.

Per fronteggiare la crisi finanziaria ed economica, il Gruppo ha deciso di diminuire sostanzialmente la durata delle trattative per la sua divisione di cantieristica navale in difficoltà. Quindi ha attivato un processo di ristrutturazione e sulla Nordseewerke Emden Siag il gruppo ha venduto la palazzina ed ora vi è la divisione per la costruzione di parchi eolici in mare.

Inoltre, il gruppo è riuscito, dopo anni di negoziati, nella vendita della  sezione greca Hellenic Shipyards ad Abu Dhabi HSY Mar. Questa era in realtà la parte più difficile della ristrutturazione aziendale. Il futuro, dopo il fallimento delle trattative, ora è nelle mani del nuovo manager della ThyssenKrupp, Heinrich Hiesinger, che darà un nuovo impulso ai negoziati per la vendita: unità di business con un fatturato combinato di circa dieci miliardi di euro disponibili per i nuovi acquirenti.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: riunione sul cantiere di Ancona
  2. Turbonave “Rotterdam” in vendita
  3. Porto di Brindisi: Lega navale e Circolo Pigonati accolgono le barche pronte alla Brindisi-Corfù
  4. Federagenti: ecco come cambierà il regolamento
  5. Titoli del diporto nautico operativi in Europa

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2279

Scritto da Abele Carruezzo su lug 4 2011. Archiviato come Cantieri, Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab