peyrani
Home » Internazionale, News » La Russia naviga il Mare Artico

La Russia naviga il Mare Artico

La Russia ormai ha deciso di solcare la via d’acqua, nuovo passaggio, creatosi con il disgelo dei ghiacci del Mare Artico e si appresta a dominare altre nuove rotte.

Intervenendo alla riunione del Consiglio Marittimo di Naryan-Mar Artico, la settimana scorsa, il Ministro delle Finanze russo, Deputato Sergei Ivanov ha detto che il piano finanziario per la costruzione di sei nuove navi “rompighiaccio” è stato approvato e si attende l’esito della gara d’appalto per decidere in quale cantiere costruirle.

Tre di queste nuove navi devono essere a propulsione nucleare, gli altri avranno i motori diesel, ha sottolineato il Ministro. Il Vice Presidente del Consiglio ha dato incarico alla United Shipbuilding Corporation, società statale russa, di espletare la ricerca tecnica-economica-finanziaria per trovare i migliori cantieri adatti alla costruzione dei rompighiaccio;

tale società comprende una serie di cantieri migliori e più grandi della Russia, compresi i cantieri Sevmash e Zvezdochka a Severodvinsk; e non si esclude di contattare cantieri non russi, come quelli di provata esperienza finlandesi.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il settore marittimo inglese naviga in acque agitate
  2. Carta dei diritti della gente di mare: Singapore ratifica
  3. Governo Italiano naviga nelle acque agitate di Assologistica
  4. Trivellazioni in mare: Legambiente prova a proteggere le Isole Tremiti
  5. Soprintendenza del Mare: strumento per la tutela della cultura e dell’ambiente del mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2813

Scritto da Abele Carruezzo su lug 25 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab