peyrani
Home » Internazionale, News » Qatar ed Egitto insieme per uno sviluppo marittimo

Qatar ed Egitto insieme per uno sviluppo marittimo

Il governo del Qatar ha comunicato, lunedì 25 luglio 2011, di aver firmato un accordo con l’Egitto per la costruzione di due nuove infrastrutture portuali che creeranno  un milione di nuovi posti di lavoro.

Secondo il ministro, per la Cooperazione internazionale dello Stato del Qatar, questi nuovi impianti saranno ubicati nei porti di Port Said e Alessandria.

Dopo aver guidato una delegazione in Egitto, il ministro ha sottolineato che la cooperazione bilaterale fra i due Stati porterà sicuri investimenti e che saranno controllati da due società, di cui una sarà posta in Sudan.

Nelle dichiarazioni di commento, da parte di politici dei due Stati, si sottolineano le opportunità di lavoro che i due progetti (Port Said ed Alessandria) porteranno all’economia di questa parte dell’Africa.

Si apre così una nuova fase di collaborazione fra le due parti; tempi migliori per impostare nuovi accordi economici; per lasciare soprattutto alle spalle quella “primavera araba” che tanto nuovo vento sta portando all’economia marittima di quella regione marittima mediterranea.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il Governo inglese favorevole allo sviluppo del Port of Dover
  2. Il settore marittimo inglese naviga in acque agitate
  3. Mennitti: “Insieme ad Haralambides predisporremo il Pug”
  4. Lo sviluppo di un porto è sviluppo della città
  5. Sardegna e Corsica insieme nel progetto Retraparc

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2849

Scritto da Abele Carruezzo su lug 26 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab