Home » Internazionale, News » Pirateria: manifestazione per le navi sequestrate

Pirateria: manifestazione per le navi sequestrate

I familiari dei marittimi delle navi «Savina Caylyn», e «Rosalia D’Amato», sequestrate dai pirati, la giunta ed il consiglio comunale di Procida manifesteranno a Roma ai primi di settembre, davanti a Montecitorio oppure alla Farnesina, per chiedere la liberazione degli ostaggi.

Queste le decisioni al termine di una riunione svoltasi in mattinata al Comune di Procida. La manifestazione sarà aperta ai parlamentari, alle forze poilitiche ed ai sindacati, ha detto il sindaco di Procida Vincenzo Capezzuto. Da mesi sull’isola si susseguono appelli e proteste per ottenere la liberazione dei marittimi.

La petroliera «Savina Caylyn» fu sequestrata l’ 8 febbraio a circa 900 miglia dalla Somalia. A bordo il comandante Giuseppe Lubrano Lavadera, ed il secondo ufficiale Crescenzio Guardascione. Sulla motonave «Rosalia D’Amato», sequestrata il 21 aprile nel mare arabico mentre faceva rotta verso l’Iran c’erano l’allievo di macchina ed il primo ufficiale di coperta Gennaro Odoaldo. La richiesta iniziale di riscatto dei pirati somali sarebbe stata di 16 milioni di euro. Una cifra ritenuta non reale dal sindaco di Procida.

Salvatore Carruezzo

 


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Marina del Benin sventa attacco pirateria alla petroliera Gotland Sofia
  2. Pirateria a Puntland: il sostegno di Mantica
  3. Missione Boniver: speranza per i marinai sequestrati
  4. Il potere dei pirati somali e le nostre navi sequestrate
  5. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3205

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 9 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab