peyrani
Home » Internazionale, News » Anche l’Antartide sotto controllo emissioni

Anche l’Antartide sotto controllo emissioni

Dal primo agosto 2011 sono applicative le modifiche alla Convenzione MARPOL (MARitime POLlution) dell’IMO (International Maritime Organization) per la prevenzione dell’inquinamento provocato da navi che navigano in mari che attraversano l’Antartide.

Ufficialmente è entrato in vigore il divieto di inquinamento da oli combustibili pesanti per tutte le navi che attraversano questi mari; per l’IMO i punti da ricordare sono espressi nell’articolo 43 della Convenzione.

In particolare, si prescrive l’uso o il trasporto di oli pesanti nella zona antartica, vietandone non solo l’uso come combustibile, ma anche come carico trasportato con navi. Si sta parlando di bitume, catrame e loro emulsioni; di petrolio greggio con una density, a 15°C, superiore a 900 kg/m ³(kilogrammo su metro cubo); oli, diversi dal greggio, con una density, a 15°C, superiore a 900 kg/m ³.

Questo significa che tutte le navi commerciali, passeggeri e mercantili in genere, dovranno adattarsi ad usare diversi tipi di carburante durante il transito della zona marina dell’Antartide, definita, in convenzione, “area marittima a sud della latitudine  φ= 60°Sud”.

Eccezione è prevista solo per navi impegnate nella sorveglianza e garanzia della sicurezza marittima o in operazioni di ricerca e/o si salvataggio. La MARPOL, in seguito, prevederà, anche per il Nord America, una nuova area ECA (Emission Control Area), per il controllo delle emissioni di ossidi di zolfo, ossidi di azoto e particolato dalle navi, che entrerà in vigore il 1° agosto 2012.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La Convenzione delle UN: anche la Svezia e la Spagna
  2. RiforMare: a Genova Montezemolo ribadisce l’importanza di tenere sotto controllo i conti
  3. Anche le piccole imbarcazioni sotto l’International Ship and Port Security (ISPS)
  4. Regate sotto il tiro dei pirati
  5. Più di tre mesi sotto sequestro dei pirati

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3248

Scritto da Abele Carruezzo su ago 11 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab