Home » Internazionale, News » Pirateria: La Russa propone scorta armata

Pirateria: La Russa propone scorta armata

«La soluzione è stata inserita nel decreto delle missioni all’estero: a richiesta degli armatori, imbarcheremo sui mercantili nuclei di protezione del reggimento di Marina San Marco, cinque uomini per nave».

È quanto annuncia il ministro della Difesa, Ignazio La Russa sulle azioni contro la pirateria. «Oppure – spiega – l’armatore può scegliere dei vigilantes, come avviene per le banche con le guardie giurate».

Quanto alla tempistica, La Russa riferisce che «a Gibuti, stiamo organizzando una base logistica transitoria che permetta il ricambio dei nuclei anti-pirateria; in questi giorni ho chiesto di accelerare. Il San Marco si sta preparando e spero che si possa partire già a fine agosto o a settembre».

Per quel che riguarda, in particolare, la situazione degli undici italiani ostaggio dei pirati in Somalia, il ministro assicura: «Siamo pronti, nel caso si decidesse in tal senso, a lanciare un blitz. Noi, però, cerchiamo di evitare qualsiasi azione di forza, a meno che le persone sotto sequestro non siano in immediato pericolo di vita e fino a questo momento non abbiamo segnali in tal senso».

 

Salvatore Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Savina Caylyn: La Russa invia la Doria ma esclude blitz
  2. Savina Caylyn: La Russa assicura massima attenzione
  3. Pirateria: manifestazione per le navi sequestrate
  4. Pirateria a Puntland: il sostegno di Mantica
  5. GIORNATA EUROPEA DEL MARE: “Fermare la pirateria marittima: la volontà è la strada?”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3281

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 12 2011. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab