peyrani
Home » Marinas, News » Vanno a ruba le spiagge sarde

Vanno a ruba le spiagge sarde

E’ proprio il caso di sottolinearlo, la sabbia sarda è un trofeo ambito tra i villeggianti che affollano le spiagge isolane. Nell’arco di sole due settimane sono ben due le violazioni all’art.1162 del Codice di Navigazione con conseguente sanzione amministrativa che va da 1549 euro per arrivare fino ai 9296 euro.

In questo ultimo episodio che ha visto denunciato un turista per il furto di sabbia dal rinomato arenile della Spiaggia del Sinis, il quantitativo di sabbia rinvenuto dalla Guardia Forestale della Stazione di Oristano ammonta a ben 35 kg.

Il precedente caso avvenuto qualche settimana prima nella zona di Castelsardo è costato una denuncia ad un turista toscano fermato dai Carabinieri nell’area di Stintino che ha dovuto anche pagare una sanzione di 1549 euro per la sottrazione di 5 kg di sabbia.
L’articolo 1162 del Codice della Navigazione vieta l’asportazione non solo di arena ma anche ghiaia, alghe e altro materiale del Demanio Marittimo.

Maurizio Dessì

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Spiagge di Ostia: sprecati 26 milioni di euro per ripascimento
  2. Spiagge interdette a Brindisi: troppo alto il rischio di crollo della falesia
  3. Spiagge brindisine interdette: falesia a rischio crollo
  4. Porto di Monopoli: necessario ripascimento delle spiagge
  5. Regione Lazio: 11 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3589

Scritto da Maurizio Dessi su ago 30 2011. Archiviato come Marinas, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab