Home » Marinas, News » Lipu accanto a Greenpeace: stop ad esplorazioni petrolifere in mare

Lipu accanto a Greenpeace: stop ad esplorazioni petrolifere in mare

Anche la Lipu-Birdlife Italia si schiera al fianco di Greenpeace nella richiesta al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, di «bloccare le esplorazioni nel canale di Sicilia alla ricerca di depositi di petrolio».

L’associazione si dichiara molto preoccupata soprattutto «per il patrimonio di biodiversità minacciato dai progetti della Audax Energy al largo di Pantelleria».

«Da anni – sottolinea Fulvio Mamone Capria, Presidente Lipu-BirdLife Italia – siamo impegnati nella tutela della biodiversità proprio nel canale di Sicilia  e nella denuncia dei rischi per gli uccelli marini, in particolare la berta maggiore, che stanno vivendo un periodo di gravi difficoltà a causa dello sfruttamento intensivo del mare e dell’inquinamento».

«La tutela di queste aree marine delicati ecosistemi ricchi di specie animali e vegetali che verrebbero alterati dalle attività di estrazione del petrolio – sottolinea – passa anche attraverso l’istituzione di aree protette. Per questo – conclude – chiediamo al ministro Prestigiacomo di adoperarsi affinchè blocchi le ricerche e istituisca aree protette per la tutela di questi splendidi ambienti marini».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Regione Sicilia: due nuove riserve naturali a Siracusa
  2. La “Manovra estiva” su Istituti importanti per la tutela delle acque
  3. Programma mare del Wwf: i siti da salvaguardare
  4. Presentato Puglia Storie di Mare sulle tre Aree Marine Protette
  5. Capitaneria di porto: 3 mila unità per Mare sicuro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3625

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 31 2011. Archiviato come Marinas, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab