peyrani
Home » Italia, News » Fincantieri: Federazione di Sinistra ancora pessimista

Fincantieri: Federazione di Sinistra ancora pessimista

La Fincantieri di Ancona come la Fiat di Pomigliano: «un baratto fra nuove commesse e un pesante piano di ristrutturazione, con una black list di 180 lavoratori da allontanare dalla fabbrica». Per la Federazione della Sinistra-Prc/Pdci di Ancona è questa la vera lettura del piano prospettato dall’ad di Fincantieri Giuseppe Bono a istituzioni e sindacati.

Gli enti locali dunque farebbero bene a «non esprimere ottimismo». L’impianto di Ancona rischia di essere banco di prova di una «contrattazione sito per sito, se non addetto per addetto, allo scopo di frantumare il fronte unitario dei lavoratori e indebolire le organizzazioni sindacali. È il tentativo di ripetere, in un contesto solo parzialmente diverso, quanto fatto dalla Fiat a Pomigliano e Mirafiori».

Per la Federazione della Sinistra «è ora di rompere la catena di ricatti che i padroni, privati o pubblici che siano, hanno costruito per imporre un modello di lavoro (e di società) che piega i diritti e la dignità dei lavoratori e dei cittadini agli interessi del mercato, della produzione e del profitto privato. Forse dal cantiere navale di Ancona e dai suoi operai può arrivare un primo, significativo segnale in questo senso».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: ammortizzatori sociali per 180 dipendenti
  2. Fincantieri: primi contatti tra Spacca e Bono
  3. Fincantieri: Bono annuncia il ritiro del Piano industriale
  4. Fincantieri: ancora proteste in attesa delle risposte di Tajani
  5. Porto di Ancona: in arrivo commessa da Fincantieri

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4163

Scritto da Salvatore Carruezzo su set 23 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab