peyrani
Home » Italia, News » Cambio al “timone” della Capitaneria di Porto di Molfetta

Cambio al “timone” della Capitaneria di Porto di Molfetta

Si è tenuta venerdì 30 settembre la cerimonia del cambio al Comando del Porto di Molfetta. Trascorsi due intensi anni, il capitano di fregata Enrico Cincotti cede l’incarico di capo del compartimento marittimo di Molfetta al pari grado Alessandro Ducci che ritorna a “casa” nel porto che è stato la sua prima sede di servizio dopo aver terminato gli studi presso l’accademia navale di Livorno.

Il Comandante Ducci, come egli stesso ha affermato, trova un compartimento enormemente cambiato per effetto di una marineria che non si esime dalla crisi economica mondiale ed a causa di un porto in evoluzione e caratterizzato dai grandi lavori di bonifica e dragaggio; forse la più grande opera di  sminamento in atto dal dopo guerra ad oggi così come sostiene orgogliosamente il Senatore Azzolini presente alla cerimonia nelle vesti di primo cittadino.

Il Comandante Cincotti ha poi puntualizzato su come la Capitaneria sia un punto di riferimento per i cittadini perché è riuscita a creare una collaborazione con le scuole e perché è sempre disponibile a risolvere le problematiche dei marittimi molfettesi presenti in ogni mare del globo.

Ed infine ha poi fatto un sunto sull’ultima, ma non l’unica, attività al Comando della Capitaneria di Molfetta, la campagna “Mare Sicuro 2011”. Le sue parole sono di apprezzamento e soddisfazione per il proficuo e costante lavoro svolto dai militari che sono riusciti a garantire e salvaguardare la sicurezza dei bagnanti e dei diportisti garantendo una serena stagione estiva a tutta l’utenza rivierasca.

Un’importante e capillare attività di monitoraggio con ben 320 unità e 450 persone controllate. Da notare le numerose missioni (n. 138) effettuate dai mezzi nautici della Guardia Costiera; a questo si aggiunge anche l’imponente attività svolta da terra, attraverso la quale sono stati effettuati numerosi accertamenti negli stabilimenti balneari al fine di verificare l’ottemperanza all’ordinanza regionale sulle attività balneari e quella sulla sicurezza della navigazione emanata dalla Capitaneria di Porto.

Tra le missioni di soccorso particolarmente significative si può annoverare quella relativa al salvataggio di una giovane donna dispersa al largo di Bisceglie che, dopo essere caduta in mare da un’imbarcazione da diporto, è stata prontamente soccorsa da un mezzo nautico della Capitaneria di Porto.

Infine, l’attività di polizia marittima ha portato ad elevare 224 verbali per illeciti amministrativi per un ammontare di € 73781,47 a cui hanno anche fatto seguito 11 sequestri amministrativi di attrezzatura da pesca e di un acqua-scooter. Sono stati inoltre denunciati all’Autorità Giudiziaria 32 persone per violazioni relative alla pesca illegale ed altri reati previsti dal codice della navigazione.

Un’attività ingente che, così come afferma il neo Comandante Ducci, sarà certamente ripresa nella prossima stagione balneare. Infine prendendo come esempio le parole del Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata jonica, Contrammiraglio Salvatore Giuffrè, che ha presieduto la cerimonia: – “un buon vento” al nuovo Comandante del compartimento marittimo di Molfetta.

Michele Puca

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Capitaneria di porto di Brindisi: Ciliberti saluta, arriva Minotauro
  2. Capitaneria di porto di Brindisi: avvicendamento tra Ciliberti e Minotauro
  3. Mare sicuro: 700 controlli della Capitaneria di porto di Olbia
  4. Capitaneria di porto: a Imperia controlli su pesca e sub
  5. Brindisi-Corfù: porto interno interdetto e controlli extra della Capitaneria

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4390

Scritto da Michele Puca su ott 2 2011. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab